17/12/2017sereno con veli

18/12/2017parz nuvoloso

19/12/2017sereno con veli

17 dicembre 2017

Conegliano

HO AMATO LA PITTURA. PER QUESTO HO SCELTO LA FOTOGRAFIA

Francesco Galifi firma un’opera attesissima. Un volume fotografico (risultato di 10 anni di lavoro) con i migliori paesaggi dell’Alta marca trevigiana. E dintorni

Emanuela Da Ros | commenti | (3) |

CONEGLIANO - D’accordo: ho l’attitudine a perdermi. Quando Francesco Galifi, fotografo coneglianese del paesaggio, parla di sé, non si mette in posa. Racconta, sul filo della memoria, del ricordo, della passione, di qualche (condivisa) sollecitazione quello che è. Quello che fa, non fa, vorrebbe fare.

“Mi perderei di continuo, sulle colline di Refrontolo, soprattutto. Perché l’attitudine a perdersi fa parte della mia indole. E della mia ricerca. Lo stupore che dà il perdersi tra il verde è impagabile, ma purtroppo il tempo non lo permette. Spesso è il tempo cronologico e non lo spazio a dettarti le coordinate del fare. A orientare il tuo percorso.”

Francesco Galifi il tempo, comunque, lo centellina. A realizzare alcune delle foto (splendide) che appaiono nel suo ultimo volume “Paesaggi e vedute dell’Alta marca trevigiana”, De Bastiani Editore, ci ha messo anni. Ci ha messo passeggiate in auto, tempi di posa lunghissimi. Ci ha messo l’incontentabilità, l’anelito alla perfezione. Pure la fissa della perfezione.

Francesco, dieci anni non sono un po’ troppi per realizzare uno scatto? Dipende da cosa cerchi. Non è un obbligo fare quella foto, ma per me è perentorio farla così, proprio in quel modo. E se per farla in quel modo devono passare anni, be’, aspetteremo il momento opportuno. Nel volume che sta per uscire c’è una sezione dedicata all’Alpago: è forse la parte del libro che mi piace di più. Percorrere questo territorio ha significato rimettermi in gioco, ogni volta. Tornare e ritornare dentro l’aveo di un paesaggio per coglierlo in modo inaspettato, nonostante l’attesa. Cià che incide in una foto non è solo l’inquadratura…è un discorso atmosferico, fatto di nebbie, di inversione termica, di umori diversi e variabili. L’inquadratura può essere banale in fondo: la cornice di un mondo che spetta alla Natura riempire. Nell’attimo giusto. Appurato che il carpe diem di Galifi si dilata quanto un’era preistorica, continuiamo a chiedergli di scatti fuori dal tempo.

Qual è la foto più bella che hai realizzato? Quella che non ho scattato. Ero in Polonia con degli amici e ho visto un paesaggio-da-foto: una strada sterrata che si inoltrava nel bosco, colpita da un raggio di luce. Poiché ero in compagnia, però, non ho voluto fermare la macchina. Bloccare gli amici dietro il mio cavalletto. Sono passato oltre. Ma la foto che avrei voluto fissare è impressa nella mia mente.

Il paesaggio dell’Alta marca è davvero così straordinario? Per me, lo è. Spesso questo territorio è decantato per il suo fare. Per gli interventi dell’uomo. Per la sua operosità. Io ne ho una visione classica, se vuoi. Nelle mie foto cerco soprattutto una connotazione e un valore estetico. Prima che dei fotografi, mi sono innamorato dei pittori classici e sono stati i pittori a osservare e eternizzare il paesaggio, che per molti versi è rimasto il mio, il nostro.

La presentazione del libro "Conegliano, paessaggi e vedute dell'Alta Marca Trevigiana" si tiene sabato 17 dicembre, alle 17, presso l'ex convento di San Francesco, centro storico di Conegliano.

 



foto dell'autore

Emanuela Da Ros

SEGUIMI SU:

Leggi altre notizie di Conegliano

Commenta questo articolo


Grande Francesco, sono sicuro che anche nel nuovo volume saprai rapire l'attenzione di chi in questi luoghi ci vive e ci presta poca attenzione. Sei un grandissimo artista!

segnala commento inopportuno

Complimenti, Francesco!
Sei un grande dell'immagine, un perfezionista, un contemplativo, un poeta!
Grazie per questo tuo ultimo dono, che apre i paesaggi meravigliosi della tua Sinistra Piave e dei tuoi mondi anche agli amici della Destra, e a tutti i tuoi estimatori, presenti e futuri.
Ti auguro che le tue bellissime foto arrivino lontano, e ti portino la soddisfazione che meriti!
Ne approfitto per salutarti, so che mi riconoscerai!

segnala commento inopportuno

Splendido! Complimenti!
Ho pensato di ragalarlo a dei cari amici US che spesso vengono a visitare queste nostre belle zone....

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.926

Anno XXXVI n° 22 / 14 dicembre 2017

LE NOVITA' DELL'ANNO CHE VERRA'

2018. Le novità dell’anno che verrà

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×