22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

24/10/2017sereno

22 ottobre 2017

Sport

Icardi, lettera all'Argentina: "Darò tutto per te".

Calcio

Altri Sport

Buenos Aires, 12 ago. - (AdnKronos) - "Mia amata Argentina, darò tutto per te", firmato Mauro Icardi. L'attaccante dell'Inter ha scritto una lettera d'amore alla sua patria su Instagram, dopo la decisione del ct Jorge Sampaoli di convocarlo per le prossime due partite di qualificazione ai Mondiali contro Uruguay e Venezuela, lasciando a casa Gonzalo Higuain.

"Mia cara Argentina, oggi dopo 4 anni ci incontreremo di nuovo. L'ultima volta che ho indossato questi colori era in quel lontano 2013 in cui ho realizzato il sogno di debuttare nella Nazionale maggiore a soli 20 anni, grazie al mio lavoro e sacrificio", scrive Icardi postando la sua foto da giovane con la maglia 'albiceleste'.

"Dopo alcuni passi nelle nazionali minori, è arrivato il momento tanto atteso. Forse non è arrivato nel modo migliore o nel miglior momento, ma l'orgoglio e il sentimento di rappresentare il mio Paese è qualcosa che non si può spiegare. Oggi a 4 anni di distanza mi arriva questa meravigliosa notizia di poter indossare di nuovo la maglia più bella del mondo, quella che rappresenta ognuno di noi, gli argentini, la nostra patria e il nostro Paese", continua il bomber nerazzurro.

"E' per questo - conclude Icardi - che oggi dico grazie a tutti coloro che hanno avuto fiducia in me. Non mi piace fare promesse ma di una cosa sono sicuro: darò tutto per te, mia cara Argentina".

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×