19/07/2018quasi sereno

20/07/2018quasi sereno

21/07/2018possibile temporale

19 luglio 2018

Castelfranco

Incendio Milldue, si teme per quasi cinquanta posti di lavoro

La proprietà conta di ripartire. Area sotto sequestro, si indaga per chiarire le cause

commenti |

Incendio Milldue Riese

RIESE L’azienda è stata rasa al suolo ed ora c’è preoccupazione per i quasi cinquanta posti di lavoro. Quanto ripartirà la produzione? È passato solo qualche giorno dall’incendio ed è troppo presto per rispondere.

Ieri i titolari della Milldue di via Balegante, in zona industriale a Poggiana, hanno incontrato in municipio il sindaco di Riese Matteo Guidolin: hanno manifestato l’intenzione di ripartire con l’attività quanto prima. 

 

Ci sono danni per milioni di euro e la ricostruzione dello stabilimento richiederà del tempo. C'è comunque l'ipotesi di prendere un capannone in affitto per ripartire con la produzione al più presto: una soluzione che ci si augura possa andare a buon fine e che garantirebbe il posto di lavoro ai tanti dipendenti. 

 

I vigili del fuoco hanno lavorato per giorni per completare le operazioni di spegnimento dell’incendio e mettere in sicurezza l’area, attualmente posta sotto sequestro. Si indaga per chiarire da dove sia partito l’incendio e perché: la causa non è ancora stata scoperta, la polizia giudiziaria sta sentendo tutte le persone che potrebbero tornare utili alle indagini e si stanno raccogliendo elementi utili setacciando l’area della fabbrica metro per metro.

 

I primi rilievi da parte dell’Arpav hanno escluso il rischio di dispersione di sostanze tossiche nell’aria. Sono stati comunque eseguiti diversi campionamenti, il responso delle analisi si saprà tra qualche tempo.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×