19/07/2018quasi sereno

20/07/2018quasi sereno

21/07/2018possibile temporale

19 luglio 2018

Castelfranco

Incendio Riese: ignote le cause, si indaga

Analisi nell’aria, escluso rischio eternit. Operazioni di spegnimento proseguite per tutta la notte

commenti |

Incendio Milldue Riese

RIESE Analisi nell’aria di Riese da parte dell’Arpav a seguito dell’incendio divampato ieri, martedì, nell’azienda Milldue, in via Balegante in zona industriale a Poggiana. Al momento è stata esclusa la presenza di eternit nella copertura dello stabilimento andato distrutto dalle fiamme. Ci vorrà del tempo però per avere il responso delle analisi.

Ieri, appena si era levata la nube nera di fumo, il Comune di Riese aveva diramano un messaggio in cui chiedeva ai cittadini di restare in casa e di tenere chiuse le finestre.

"Sono tuttora in corso i rilevi da parte dei tecnici Arpav intervenuti che stanno effettuando operazioni di campionamento aria con prelievi di canister per la ricerca di composti organici volatili ad alto volume per microinquinanti organici – veniva spiegato in un comunicato dell’Arpav ieri pomeriggio -. Dalle prime informazioni acquisite, nello stabilimento non risulta presente eternit. Il materiale coinvolto è truciolare e carta, mobili da arredo bagno in lavorazione con parti plastiche e qualche fusto di vernice.  Il deposito esterno di vernici non risultava coinvolto nell'incendio nelle prime fasi, ma sono in corso approfondimenti".

Al momento non si conoscono le cause dell’incendio: su questo stanno indagando i vigili del fuoco del Nucleo investigativo antincendio territoriale, in collaborazione coi carabinieri. I pompieri sono riusciti a circoscrivere l’incendio evitando l’estensione del rogo alle attività adiacenti la Milldue.

L’incendio ha coinvolto un capannone della superficie di circa 5mila metri quadrati adibiti alla lavorazione di mobili in legno da bagno, tra cui anche il reparto verniciatura. Il tetto di tutta la struttura alla fine è collassato. Le operazioni per spegnere completamente l’incendio si sono protratte per tutta la notte.

Sul posto si sono alternate al lavoro decine di vigili del fuoco, impegnati con vari mezzi.

L’azienda, che impiega poco meno di cinquanta dipendenti, fortunatamente ieri non stava facendo produzione: era aperta solo per l’inventario ed al momento in cui è scoppiato l’incendio i lavoratori erano in pausa.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×