19/12/2018nuvoloso

20/12/2018pioviggine

21/12/2018nubi basse e schiarite

19 dicembre 2018

Vittorio Veneto

Inciampa e si rompe una caviglia ai fuochi di Sant'Augusta, causa al comune per 30mila euro

La donna era caduta in un'aiuola di via Tandura, a causa di uno "scalino" nel terriccio

commenti |

fuochi sant'augusta caviglia rotta

VITTORIO VENETO - Una frattura alla caviglia che potrebbe costare 30mila euro all’amministrazione.

 

Una 40enne vittoriese ha infatti fatto causa al comune, dopo aver riportato l’infortunio in occasione dei fuochi di Sant’Augusta, nell’agosto del 2015: la donna, dopo lo spettacolo, era inciampata in un’aiuola di via Tandura, il cui terriccio era ribassato rispetto al livello del marciapiede.

 

Si era creato un vero e proprio scalino, non visibile peraltro, visto che il vicino lampione era spento. La donna era caduta a terra, rompendosi la caviglia e non riuscendo più a camminare. La 40enne ha citato quindi in giudizio il comune, chiedendo un risarcimento. Perchè dopo la frattura, il gesso e le terapie, alla donna è stata riconosciuta un’invalidità permanente di 9 punti. Lo riporta il Gazzettino.

 

L’amministrazione Tonon ha quindi deciso di costituirsi in giudizio con un atto di giunta del 7 novembre. L’udienza è prevista per gennaio.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×