22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

24/10/2017quasi sereno

22 ottobre 2017

Montebelluna

Incidente di Pederobba, chi erano Vanni e Thomas

Vivevano a Sant’Eulalia di Borso del Grappa e a Postioma di Paese

commenti |

BORSO DEL GRAPPA/PAESE – Era vicepresidente del Gruppo Alpini di Sant’Eulalia Vanni Bresolin, il 47enne morto ieri sera nello schianto lungo la Feltrina a Pederobba. Era single, abitava da solo in centro alla frazione di Borso del Grappa.

Ad avvertire le sorelle dell’incidente in cui ha perso la vita sono stati il sindaco di Borso, Flavio Dall’Agnol, ed un amico che fa pure lui parte dell’associazione Alpini. Vanni Bresolin aveva lavorato per anni come artigiano in una ditta di mobili di Cavaso del Tomba, da qualche tempo però era in mobilità.

Viene descritto come una persona tranquilla, un tipo conosciuto in paese per via del suo attivismo con gli alpini e la sua voglia di darsi da fare come volontario.

 

Thomas Morandin, 21 anni, l’altra vittima dell’incidente, viveva invece a Postioma di Paese. Lavorava nell’impresa edile del padre, Bertillo Morandin. La sua famiglia è particolarmente conosciuta nella frazione di Postioma.

Dopo il diploma tecnico aveva deciso di iniziare a lavorare nell’attività avviata dal padre, dove lavorano anche i suoi due fratelli.

Oltre a loro ed ai genitori lascia anche una sorella. Anche lui viene descritto come un ragazzo tranquillo, casa e lavoro.

La comunità di Postioma si è stretta in queste ore attorno alla famiglia Morandin.

 

(In alto una foto dell'incidente, sotto Vanni Bresolin e Thomas Morandin)

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×