19/09/2018quasi sereno

20/09/2018sereno

21/09/2018sereno

19 settembre 2018

Castelfranco

Iov, a Castelfranco due unità operative complesse a direzione universitaria

Zaia ed il rettore dell’Università di Padova hanno firmato l’intesa

commenti |

ospedale castelfranco

CASTELFRANCO - Il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, e il Rettore dell’Università di Padova, Rosario Rizzuto, hanno firmato oggi un atto d’intesa con il quale le due Istituzioni individuano delle apicalità sanitarie a direzione universitaria dell’Istituto Oncologico Veneto – IOV, sede di Castelfranco.

 

L’atto individua due Unità Operative Complesse che saranno a direzione universitaria: si tratta di Radioterapia, in area medica, e di Chirurgia Ginecologica Oncologica, in area chirurgica. Si tratta di un nuovo, significativo tassello, nella realizzazione della sede castellana dello IOV, i cui primi ambulatori sono stati inaugurati il 6 ottobre scorso proprio dal presidente Zaia.

 

Una volta a regìme, con un investimento di circa 20 milioni di euro, lo IOV a Castelfranco potrà contare complessivamente su 138 posti letto dedicati alle varie specialità oncologiche e su 25 letti per accogliere pazienti provenienti dalle altre Regioni, rafforzando così la mobilità attiva verso il Veneto in una specialità che risponde a una delle più grandi “paure” della gente in tema di salute. Il tutto ha preso forma definitiva il 23 agosto scorso, con l’approvazione finale in Giunta regionale della scheda ospedaliera del nosocomio castellano, che prevedeva anche l’ingresso dello IOV.

 

La struttura sanitaria di Castelfranco è composta da 186 posti letto per acuti di tipo “generalista” e da altri 138 letti (più 25 per i pazienti provenienti da fuori Regione) dedicati all’attività dell’Istituto Oncologico Veneto – IOV – di Padova, che può contare su 38 posti letto di area medica; 80 di area chirurgica; 6 di terapia intensiva; 14 di Riabilitazione Oncologica.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×