19/02/2018nuvoloso

20/02/2018nuvoloso

21/02/2018nuvoloso

19 febbraio 2018

Italiani brava gente (?)

Categoria: Persone - Tags: italiani brava gente, craxi, falcone, borsellino, pinelli, calabresi, totò riina

immagine dell'autore

Mario Marangon | commenti |

Il titolo è già in sé conclusivo e pare che gli italiani siano pessime persone dalle quali io prendo le distanze come «brava persona». Non ho questa idea di me e sono sincero, ma vediamo dove portano queste righe e questo ragionamento. Forse non è nemmeno possibile dare un simile giudizio su un’intera popolazione, ma siccome oggi la spunta chi dice le cazzate più grosse, mi adeguo.

 

***

 

Leggo che un ramo delle Camere ha approvato la legge contro la tortura e che la UE aveva chiesto tale normativa 27 anni fa. La normativa fa seguito alla condanna europea sui fatti della Diaz del G8 di Genova. Un amico mi fa notare che già l’Art. 13 della Costituzione in realtà fa divieto alla tortura, ma è ormai chiaro a tutti che nulla è più disatteso della Costituzione e chi doveva difenderla negli ultimi 20 anni non l’ha fatto e chi deve difenderla adesso ha fatto un’unica «esternazione» l’8 marzo per la festa della donna. A Genova la situazione era difficilissima e critica per tutti ed ho sempre pensato che anche se mandavano gli Scouts ci sarebbe scappato il morto, ma i fatti della Diaz andavano puniti. Fare il poliziotto è un lavoro per pochi e chi lo fa deve essere consapevole dei propri limiti e dell’ enorme difficoltà di questo mestiere.

 

***

 

Italia Fascista con i voti «liberi», eccezioni a parte che non avrebbero cambiato il risultato del Listone Nazionale. Piazze piene sino all’arrivo degli americani e piazzale Loreto, l’Hotel Rphael di Mussolini, con 20 anni di ritardo. E le salme a terra dove una mamma con bambino sputava sui corpi -si leggano le righe di S. Quasimodo. Dongo in piazza con sentenza «privata» di morte. Poi il Referendum vinto per un soffio o vinto con l’imbroglio come qualcuno sostiene. Tutte le gerarchie fasciste, eccetto i casi improponibili, piazzati come funzionari dello Stato democratico -sindaci, assessori, prefetti, consiglieri. Lo stragismo nero con il balcone di Pinelli e il Commissario Calabresi. Segni e il «Piano Solo» di De Lorenzo. L’aereo di Mattei e una lista di «segreti di Stato» senza fine. Gladio. Falcone, Borsellino, la mafia e Totò Riina che dalla galera annuncia di votare PD. Bologna, gli anni di piombo con chi «né con le BR né con lo Stato». La pedofilia di massa, di massa, interamente impunita. Berlusconi da cantante di Crociera a premier per 25 anni, un impero finanziario, mediatico e palazzi con Escort pagate da lui. Craxi e Forlani, votati a furor di popolo per 20 anni e poi colpiti con monetine. Salvini e il fuoco nei campi ROM con il plauso nazionale. Roma Capitale, le cooperative rosse.

 

Gli 80 euro.

 

Difficile dire «italiani brava gente».



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.929

Anno XXXVII n° 3 / 15 febbraio 2018

SI. CUCINO GLI INSETTI

Benvenuti nella cucina di Roberto. Dove le larve di caimano prendono il posto delle verdure pastellate e i muffin vengono prodotti con farina di grilli. Perché dato che forse sarà questo il cibo del futuro, tanto vale iniziare a sperimentare. E gustare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×