16/08/2018quasi sereno

17/08/2018sereno

18/08/2018quasi sereno

16 agosto 2018

Castelfranco

Kyenge "cesso" e Boldrini "mongoloide", consigliera nella bufera

Barbara Beggi, nella maggioranza in consiglio a Castelfranco, ha pubblicato gli insulti sul suo profilo Facebook

commenti | (9) |

CASTELFRANCO - La segreteria del PD castellano, insieme con il gruppo consiliare PD-Lista Sartor, esprimono indignazione e sconcerto per i contenuti offensivi postati in rete attraverso il proprio profilo Facebook dalla consigliera comunale di maggioranza Barbara Beggi (in foto a sinistra).


Quest'ultima ha pubblicato sul suo profilo Facebook un'immagine che ritrae la neo eletta al parlamento europeo Kyenge con la frase "Le disgrazie non vengono mai sole, in Europa saremo rappresentati da questo cesso", mentre della presidente della Camera Boldrini Beggi ha scritto che è una "mongoloide" e "le caverei gli occhi".




«Offese incivili nei confronti dell’On.Cecile Kienge, neo eletta al Parlamento europeo, che ancora una volta esulano dal confronto fra idee politiche e invece dimostrano come gli attacchi all’ex ministro affondino le proprie radici nel più triviale razzismo – recita una nota diffusa dal Partito Democratico di Castelfranco -   E’ ancor più grave che le offese non arrivino da un quisque de populi ma da una giovane amministratrice che, evidentemente, non ha alcun rispetto per il ruolo di rappresentanza istituzionale che riveste.


La Consigliere Beggi, infatti, non è nuova al linguaggio ingiurioso che sembra essere la cifra distintiva dei suoi post a contenuto “politico”, dal momento che ha già preso di mira anche la Presidente della Camera, On. Laura Boldrini (arrivando a definirla “mongoloide” offendendo così la dignità di chi è affetto da Sindrome di Down e a minacciare “le caverei gli occhi”). Nel caso di specie, ci si chiede se non sussistano i requisiti per procedere nei suoi confronti per Vilipendio delle Istituzioni Costituzionali, Art.290 del Codice Penale. Ma al di là dei potenziali risvolti giudiziari, la Segreteria del PD chiede al Sindaco di Castelfranco e alla Lega Nord una immediata censura verso il proprio esponente».


 


«Ci chiediamo – affermano dalla Segreteria - come Luciano Dussin che, da parlamentare ha ricoperto anche il ruolo di Vice-Presidente della Camera, possa accettare questo quotidiano spregio delle Istituzioni da parte di una sua Consigliera, arrivata anche ad auspicare il ritorno di Benito Mussolini (foto sotto) sul proprio profilo Facebook. Ci attendiamo una immediata censura non solo nel Consiglio comunale castellano ma anche da parte della Lega Nord. All’On.Cecile Kienge, che abbiamo avuto l’onore di ospitare in questa campagna elettorale e di ammirare per il suo impegno politico per una Europa dei diritti, va invece tutta la nostra solidarietà».



 


Prende le distanze e condanna i post di Beggi la senatrice leghista Patrizia Bisinella >>


 

Leggi altre notizie di Castelfranco

Commenta questo articolo


Una che predica la frattellanza, l'unine di tutti i popoli, l'uguaglianza di tutti gli individui... e che poi viene beccata a comprarsi gioielli per migliaia di euro in gioielleria e fuori ad aspettarla la scorta e macchina blu... la dice tutta.

Poi non ho capito chi è razzista, se noi verso di lei o lei verso il popolo italiano.

La sua idea di vederci tutti uguali è solamente un'ipotesi astratta, l'apoteosi della falsità, un'utopia stratta.

Ad ogni modo qualcuno l'avrà pure votata...

segnala commento inopportuno

Non sei utonto solo di nome. Sei utonto anche di fatto.

La storia dei gioielli è stata messa in giro da degli utonti per altri utonti. E' tutto documentato.

Che un ministro abbia la scorta non mi sembra una grande novità. E' la prassi. Specie se quel ministro ha ricevuto minacce da degli Utonti.

Prima di fare la figura dell'Utonto sarebbe bene tu ti informassi

segnala commento inopportuno

Che sia vero o no... non cambia la sostanza dei fatti... o l'idea che mi sono fatto di questa ministra che tiene più al suo popolo che a quello italiano, eppure si è tanto vantata di essere oramai cittadina italiana.
L'unione di popoli non ha mai portato niente di buono... anzi, solo problemi.

Riguardo al nick... meglio che lasciamo perdere! non capiresti il motivo.

segnala commento inopportuno

Porca trota che notiziona...
E a questi poveri consiglieri del pd che devono passare tutto il giorno a "spiare" i profili facebook degli avversari politici, non glielo diamo un premio?
Peggio dei bambini dell'asilo...

segnala commento inopportuno

Adesso andrà Remo Sernagiotto anche a Bruxelles e l' Europa verrà salvata !!! ; )

segnala commento inopportuno

la dice lunga sul livello penoso di inciviltà a cui siamo (siete!) arrivati: razzismo della peggior feccia, roba da KKK. Leggo qui sotto, tra i commenti che arrivano da Facebook lo schifo più infame e vergognoso.
Si può essere o meno d'accordo con le posizioni della signora Kyenge, si può credere o meno alla favola dei gioielli di Utonto (che poi semmai erano vestiti) e si può anche attaccare il comportamento di una persona, particolarmente quando ricopre incarichi pubblici di prestigio. Perfino l'insulto - ancorché poco civile - è prassi abbastanza comune.
Ma quando si arriva alla pura espressione razzista, slegata da qualsiasi considerazione sulla persona, non si sta esprimendo un pensiero ma commettendo un reato: istigazione all'odio razziale.
E se non si vuole tirare in ballo la legge, si consideri almeno la dignità: le affermazioni che leggo qui sotto dimostrano tutto il marcio e lo schifo che fermentano sotto un'apparenza di civiltà.
A leggerle provo sinceramente vergogna all'idea che qualcuno possa accomunarmi a questo pattume

segnala commento inopportuno

Istigazione all'odio razziale?Esagerato! Io al massimo vedo qualche consiglio su dove deve andare la Sig.ra Kyenge.
Ora scusatemi dopo aver letto questo articolo mi è venuta voglia di andare a comprare un casco di banane :-)

segnala commento inopportuno

Non si offende nessuno, ma la ex ministra per quello che mi riguarda è non solo un avversario, ma un nemico del popolo italiano, specialmente per le posizioni politiche riguardo lo jous soli.
E' una idea da combattere con ogni mezzo.

segnala commento inopportuno

io ritengo che la Kyenge non rappresenti in nessun modo l'Italia al parlamento europeo. Non dimostra né ha mai dimostrato di interessarsi e di voler affrontare i problemi degli italiani ma solo quelli degli immigrati come lei.
Mi auguro solo che chi l'ha votata si renda conto di come ha contribuito a buttare la sua Italia nel cesso. Ci aspettano tempi duri...

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

immagine della news

15/11/2017

Insulti a Bebe, c'è un indagato

Nei guai un 50enne di Preganziol: sarebbe stato individuato dopo le indagini dei Carabinieri iniziate lo scorso giugno

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×