19 gennaio 2020

Montebelluna

L’odissea di uno studente costretto a cambiare treno 4 volte per tornare a Montebelluna da Padova

I disservizi sono all’ordine del giorno, da anni, ma ieri le ferrovie hanno fatto l'enplein

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

L’odissea di uno studente costretto a cambiare treno 4 volte per tornare a Montebelluna da Padova

MONTEBELLUNA - L’odissea di uno studente montebellunese costretto a cambiare treno 4 volte in stazione a Padova, prima di poter partire per Montebelluna. Treni cancellati, ritardi, sostituzione di convogli, cambiamento di binari: è plausibile pensare che quanto accaduto ieri a Davide Quaggiotto, contempli buona parte del repertorio dei disservizi immaginabili.

 

Quaggiotto, capogruppo d’opposizione in consiglio comunale a Montebelluna, per tornare in città da Padova dove studia ha dovuto impiegare oltre un’ora, come racconta: “Treno delle 15,07 per Montebelluna cancellato per un guasto ad un passaggio a livello causato da un incidente. Conseguente annuncio di un ritardo di 10 minuti. Il treno arriva dopo mezz'ora. Saliamo nel treno appena arrivato, ma dopo poco ci viene annunciata la partenza di quello per Montebelluna presso il binario 10. All'arrivo di quel treno saliamo nuovamente. Ci viene però comunicato che la meta è Treviso e che quello diretto invece a Montebelluna sarebbe arrivato poco dopo, sempre allo stesso binario. Colpo di scena finale: il treno per Montebelluna arriva al binario 9 e noi torniamo a casa con un'ora di ritardo”.

 

È proprio il caso di dire che i fatti parlano da soli. La questione è seria perché oramai i disservizi per Montebelluna sono quasi la prassi: non c’è settimana che non vengano cancellati treni e quanto ai ritardi sono incalcolabili, non a caso i pendolari protestano da anni ma senza risultati a quanto pare.

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Montebelluna
Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×