25/11/2017pioggia

26/11/2017piovaschi e schiarite

27/11/2017sereno

25 novembre 2017

Castelfranco

L’uomo trovato morto nel Muson è un pensionato di 65 anni

L’identificazione grazie al riconoscimento da parte della sorella

commenti |

CASTELFRANCO – È stata data un’identità all’uomo trovato morto ieri nel torrente Muson in via Nogarola a Treville. Si tratta di un pensionato di 65 anni, che viveva solo e pare soffrisse di crisi depressive.

A dare certezza che si trattasse di lui, dato che non aveva documenti con sé, è stata la sorella, che ha effettuato il riconoscimento.

 

A dare l’allarme, ieri, era stato un passante, dopo aver notato il corpo senza vita galleggiare sull’acqua del torrente.

Sul posto erano giunti i sanitari del 118 ed i carabinieri, i quali avevano riscontrato immediatamente come la morte non fosse di natura violenta e dovuta ad altre persone.

Subito gli inquirenti avevano fatto scattare gli accertamenti per capire l’identità della vittima ed avvertire i famigliari. Un lavoro non semplice e che ha richiesto diverso tempo.

 

Leggi altre notizie di Castelfranco

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Castelfranco

Dello stesso argomento

immagine della news

16/11/2017

Cadavere in un lago di sangue

Macabro ritrovamento a Casale sul Sile: una donna di 47 anni si è tolta la vita. Sul posto indagine lampo dei Carabinieri

immagine della news

08/11/2017

Sabato l'ultimo saluto a Mestriner

Il 63enne pensionato di Casale si è spento lunedì: il cadavere era stato recuperato dai vigili del fuoco dalle acque di una cava

immagine della news

06/11/2017

Cadavere emerge dalla cava

L'episodio è accaduto lunedì nelle acque di una cava in via Vecchia Trevigiana a Lughignano di Casale: la vittima è il 63enne Omero Mestriner

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×