11 dicembre 2019

Treviso

L'appello di una trevigiana colpita dal cancro: "Donate i vostri capelli, tanti malati oncologici ne hanno bisogno"

L’appello di una trevigiana che pur se affetta da cancro si adopera per una buona causa

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

immagine dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa | commenti |

L'appello di una trevigiana colpita dal cancro:

TREVISO - Una donna trevigiana affetta da cancro dopo la chemioterapia ha perso i capelli: un’esperienza doppiamente traumatica alla quale però ha deciso di reagire aiutando gli altri. Questa coraggiosa signora, che chiameremo Anna (nome di fantasia) ha quindi deciso di fare la sua parte in favore di coloro che sono nella sua stessa situazione, lanciando un appello su Facebook ed invitando coloro che decidono di tagliarsi i capelli, per ragioni estetiche, a donarli ad un’associazione che ne fa parrucche destinate ai pazienti oncologici.

“È da mesi che non mi faccio sentire in Facebook – scrive Anna in un seguito gruppo social di Treviso, raccontandosi con grande coraggio -. Ho un tumore importante per dimensioni al pancreas. Non è operabile purtroppo; si può ridurre con innumerevoli sedute di chemio terapia. L’effetto collaterale più spiacevole per una donna è ritrovarsi tutti i capelli a terra dopo una doccia, oscurare tutti gli specchi perché, oltre alla malattia, non accetta il nuovo look. I turbanti o i foulard le fanno ulteriormente ricordare la propria malattia. È un’esperienza terribile!”.

“Ci sono donne che decidono di cambiare aspetto tagliando la lunga chioma per un bel caschetto. Dove voglio arrivare? C’è un’associazione no profit con sede a Fano che raccoglie i capelli dei donatori (anche dalle parrucchiere) per farne delle parrucche che donano a chi ne ha bisogno. Non voglio apparire patetica ma se Facebook serve a qualcosa mi auguro che sia per qualcosa di utile. ‭333 1698263‬ questo è il numero del presidente dell’associazione. Chiamate e sensibilizzate più persone che potete. Una di quelle parrucche potrebbe arrivare ad una vostra amica, a vostra madre, a vostra sorella o a me”.

Anna quindi chiude il messaggio con un ringraziamento. Parole toccanti ma anche cariche di speranza e di fiducia verso gli altri, tant’è che decine di persone le hanno risposto, incoraggiandola e manifestandole simpatia e vicinanza: una bella testimonianza di umanità e solidarietà che scalda il cuore. Brava Anna, di certo molti vorranno fare la loro parte in maniera concreta, per darti una mano!

 



foto dell'autore

Ingrid Feltrin Jefwa

Leggi altre notizie di Treviso
Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×