17 ottobre 2019

Vittorio Veneto

LAVORI SOCIALMENTE UTILI PER GLI EX DEL POLICARPO

Alcuni operai potrebbero integrare la cassa integrazione alle dipendenze del Comune

| commenti |

| commenti |

Vittorio Veneto - Il comune di Vittorio Veneto potrebbe impiegare alcuni dei dipendenti della Policarpo Cerruti per lavori "socialmente" utili, applicando una norma di legge che consente appunto agli enti pubblici di utilizzare personale in cassa integrazione o in mobilità per svolgere a tempo determinato, lavori di pubblico servizio.

La prassi già adottata da alcuni comuni limitrofi potrebbe interessare Vittorio Veneto e gli ex dipendenti del lanificio che ha chiuso i battenti qualche giorno fa, lasciando senza lavoro 117 persone. La "soluzione" è stata una di quelle ipotizzate ieri durante l'assemblea svoltasi tra i dipendenti del lanificio e le rappresentanze sindacali di Cisl e Cgil.

Alcune operaie si sono dette disponibili a seguire anche eventuali corsi di formazione per riconvertire le proprie abilità nel settore socio-assistenziale.


Nel frattempo, come era stato annunciato, l'obiettivo dei sindacati resta la possibilità di prolungare sino a due anni la cassa integrazione, la cessione del marchio Cerruti per proseguirne la produzione e la trasformazione della fabbrica in un complesso edilizio che offra posti di lavoro adeguati e utili sia agli ex dipendenti che al territorio.

Per quanto riguarda i corsi di riqualificazione nel settore socio sanitario, il comune si è detto disposto a finanziarli.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×