26/09/2017sereno

27/09/2017quasi sereno

28/09/2017velature sparse

26 settembre 2017

Oderzo Motta

Via le barriere architettoniche

Protocollo di intesa per la tutela dei diritti delle persone affetta da disabilità tra comune di Cimadolmo e la Società Italiana Disability Manager

commenti |

CIMADOLMO - Basta barriere architettoniche, stretta di mano tra comune di Cimadolmo e la Società Italiana Disability Manager: firmato un protocollo di intesa per la tutela dei diritti delle persone affetta da disabilità. Sidima, presieduta da Rodolfo Dalla Mora, è la prima Associazione fondata dai disability manager italiani, con sede nell'Ospedale Riabilitativo di Alta Specializzazione di Motta di Livenza.

«Cimadolmo è il primo Comune in Italia con cui abbiamo ideato un protocollo d' intesa» ha detto Dalla Mora «perché di solito collaboriamo con associazioni di categoria e di volontariato. Abbiamo deciso di lanciare questo progetto con i Comuni, poiché sono gli enti in diretto contatto con i bisogni dei cittadini».

Francesco Truccolo, consigliere comunale delegato ai servizi sociali e Rossano Cadamuro assessore ai lavori pubblici, hanno seguito il progetto.

Spiegano «La convenzione ha l'obiettivo di garantire i principi di pari opportunità, di accessibilità, integrazione ed inclusione, per le persone con disabilità.

Questo accordo mira a sostenere la promozione di una cultura della progettazione accessibile e che riesca a garantire la fruizione degli ambiente di incontro, di cultura, di svago per tutti i cittadini». Il protocollo d'intesa non comporterà oneri per l' Amministrazione che si impegnerà a rendere più accessibile e a sensibilizzare la cittadinanza sull'argomento.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×