24 luglio 2019

LE ELEZION

Categoria: Notizie e politica - Tags: elezioni, Sindaco, Promesse elettorali.

immagine dell'autore

Carlo Piasentin | commenti | (5)

Riuscirò mai a capire perché, così tanta
gente, è interessata a entrare in politica,
dato che, a loro dire, ci sono solo rogne.
Forse il senso civico?
O quel cin cin di masochistico che c’è in tutti noi?
Ecco un servizio giornalistico da tenere in
considerazione.


ELEZIÓN
Tenp fa un capo verde l’ha ‘assà déi coménti
che ancó voér far al Sindaco a l’é da incossiénti,
ma al par che in te sti dí pochi i lo àpie scoltà
se pensé che a Vitòrio in òto i se ha presentà.
Par no dir dée liste che ghe n’é na sgravéra
quasi come i fiori in te i nostri canp a primavera,
có túti che vól dar al so inpegno spassionà
par podér ricavàr pi del mèjo dàa nostra cità.
Però l’é zènt che se ha spostà par conveniénza
savéndo che ‘l cul déa carégha nol pol far senza
e me ha vegnést in mente quel che diséa ‘l viàn
che ‘l voéa spiegàr i spostamenti del bò in italiàn:
“Di ramo in ramo volava il bue
con le agili zampette sue.”


Bisogna dir che túti i é pieni de bòne intenzión
ànca se pròpio tut nol pol èsser bèl e bòn:
l’é chi che vól al traforo sóto Santa Gústa
e chi che no ghe par che síe la souzión giusta;
l’é chi che vól canbiàr l’usita e ànca l’entràda
e chi che vól Seravàl senza machine, isoàda;
l’é chi che finalmente i sensi unici i vól canbiàr
e chi che i svejabaúchi dài marciapié cavàr;
l’é chi che Parco Papadòpoi al vól tut recintàr
e chi che vól andàr drénto i deve ànca pagàr;
l’é chi che de Vila Papadòpoi i se vól desfàr
e chi che i la vól tégner, ristruturàr e afitàr;
l’é chi che Sóto ‘e rive i vól finalmente slargàr
e chi che ‘a Tiràca de l’Emisfero subito rotamàr;
l’é chi che Piaza Mesch al voríe subito sistemàr
ma l’Angéo, a.a Madona, nel voérgheo anunziàr
al se ha sentí rispondér, nel fissàrlo cói so òci bèi,
che l’é pi fàzie che la pòsse partorír do zemèi.



Commenta questo articolo


O Sommo Quasipoeta,

sta gran corsa par podèr del munizipio la poltrona conquistàr
pensàr la me fa ghe sie tanta zent che ghe piase comandàr.

A dire al vero no sarie na bruta ambiziòn la voja de partecipar
ma la me paura l'è ch' ai vitoriesi ghe rive un sindaco paracàr!

segnala commento inopportuno

Esimio Michele,
mi sembra d'intuire, fra le righe, un leggero pentimento per non aver presentato una tua lista per diventare Sindaco.
Lo so che ormai è tardi, ma poteva essere titolata:
"Mai pi tiràche, sol zinturin".

segnala commento inopportuno

O Sommo Quasipoeta

come ben te savarà, dopo che lori i me avea sfidà
al pì grando partito de opposizion me ere presentà.

L'unica me condiziòn l'era de metterme nea so lista
se no i me costrinzéa a ciòr tesera cattocomunista.

Ma sicome che al PD quei che pensa no ghe gusta
e i vol far altri disastri co bretea e bus de Santagusta

la me candidatura a consiglier i e stati lesti a rifiutàr
e cussì i disastri, se i li votarà, lori i li continuerà a far!

segnala commento inopportuno

:::Michee, te varie vist ben ti a far casin,
e a far dopo da pompier al bon Perin!
Pecà che no ve se candidai,
par questo ve darie na scarpada nei sonai...
Voialtri se masa onesti e idealisti,
e cussì saren governadi da leghisti o comunisti....
Ma mi ho temp e ve spete qua fra zinque ani ,
a meter le robe a posto , da bravi cristiani !

segnala commento inopportuno

Cara Adeste te ringrazie dea stima
ma mi quando varde zo daa zima
del me amato sacro Monte Altare

vede fin i riflesi de l'adriatico mare
vede de l'Alpago e bianche vette
e zo a bas de l munizipio 'e scaette.


E pense: mejo quasù che là in fondo
e za me sente el pì fortunà del mondo
e vive senza rimorsi e pur giocondo !

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×