16 settembre 2019

Vittorio Veneto

LE PROIEZIONI DEL CONSIGLIO COMUNALE DOPO IL SECONDO TURNO

In caso di vittoria di Costa a lasciare il consiglio sarebbero molti "vecchi" consiglieri

| commenti | (6) |

| commenti | (6) |

Vittorio Veneto - Mancano pochi giorni al secondo turno elettorale. Sul sito internet del comune sono uscite le nuove proiezioni che rivelano le liste a sostegno di entrambi i candidati in caso di vittoria al ballottaggio.

In caso di vittoria di Giuseppe Costa le due liste che lo sostengono garantirebbero il numero legale: infatti, a entrare in consiglio comunale, oltre al sindaco, sarebbero 7 rappresentanti del Pd e 5 della civ ca "Costa Sindaco". Ci sarebbe, inoltre, Adriana Costantini della Sinistra Vittoriese.

L'opposizione sarebbe invece rappresentata da cinque leghisti e da due esponenti della coalizione di Giorgio De Bastiani (quest'ultimo e Mirco Campodall'orto del Pdl).

Se vincesse Da Re avremmo sei leghisti, un rappresentante di Vittorio Nuova (Antonella Caldart), due rappresentanti della lista Scottà (Antonio Miatto, Barbara Saltini), un rappresentante di Forza Vittorio (Giuseppe Maso), due della lista Toni Da Re sindaco (Michele De Bertolis, Maurizio Gomiero). Tra i consiglieri della coalizione di Costa avremmo, oltre a Costa, Alessandro De Bastiani, Roberto Tonon e Adriano Botteon. Questo è la novità di ieri: fino a domenica la seconda classificata del Pd era Barbara De Nardi, mentre con i nuovi conteggi è finita al terzo posto.

In caso di vittoria di Costa a lasciare il consiglio sarebbero molti "vecchi" consiglieri come Ennio Antiga (Lega), Giancarlo Scottà, Antonella Caldart (Vittorio Nuova), Barbara Saltini (lista Scottà) e Giuseppe Maso (Forza Vittorio).

 

In foto: il municipio di Vittorio Veneto

 

Guarda le proiezioni:

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo


E sarebbe anche ora che se ne andassero!
Ci sono migliaia di persone che con la sicurezza di non averli più in comune voterebbero pure lega!!!

segnala commento inopportuno

alla luce delle proiezioni ci si rende conto che la vittoria della LEGA si rende fondamentale per la rappresentatività della nostra città. i 7 nomi della lista costa + i 5 del PD sono davvero imquitanti, se non fosse per il carico da 10 rappresentato dalla costantini... torneremo indietro di 15 anni, con la novità della "serracchiani de noaltri" la giovane responsabile dei DS di vittorio ( non è un errore prima o poi sarà così).

Avremo il FAI che oltre che a tutelare il monastero di San Giacomo dovrà tutelare le cariatidi del consiglio, magari se la troupe del quindicinale e villanova stampano le cartoline e le precompilano, per le firme organizziamo un gazebo in piazza, magari insieme a quelli che non vogliono il traforo ....

L'unica pecca in caso di vittoria di Da Re è la presenza di Antiga, forse unico motivo x il quale bisognerebbe attendere qualche secondo prima di votare , ma poi dopo aver ripensato a che rischia di amministrarci è meglio mettere il simbolo sul carroccio ....


Cari Vittoriesi, con Costa saremmo una città emerginata da tutto e da tutti e derisa da tutto il veneto, e tagliata fuori dai finanziamenti della regione e della provincia e ovviamente dallo stato.... quindi facciamo due conti almeno di convenienza ....

Cordialmente Willy

segnala commento inopportuno

Magari la De Nardi diventasse la Serracchiani de noialtri... tanto di cappello a gente come la Serracchiani o la Puppato!

Cos'hai da dire Willy dall'alto della tua conoscenza di tutte le persone di Vittorio?

Che hai da dire di male di gente in gamba come l'Uliana, , Ribeiro Da Costa Domingo, Tocchet, Botteon, Silvano De Nardi, De Vallier...?

Di là io ne conosco pochi: Antiga (hai già detto tu tutto), Rosset (non dimentichiamoci che è quello che ha creato il caso Ada Stefan), la Caldart (che non è riuscita a darci in 10 anni una raccolta differenziata al livello di TUTTI i paesi limitrofi, ma ha fatto tante magliette "la vita è un bidone!") sugli altri mi astengo.

Dovresti fare altrettanto tu, se non li conosci.

segnala commento inopportuno

TRAGICO ERRORE AFFERMARE CHE LA SOMMA DELLE DICHIARAZIONI DI VOTO DEI PARTITI FANNO LA VITTORIA. SEMBRA CHE TUTTI (PDL, LISTE CIVICHE, SINISTRA RADICALE) SIANO ORIENTATE A VOTARE COSTA. GIA' QUESTA COSA SFIORA IL RIDICOLO, COSTA AVREBBE GIA' VINTO 60 A 40. MA ANCHE SE FOSSE NON E' REALE E LO DICO PER ESPERIENZA. MA VOI SIETE COSI' SICURI CHE GLI ELETTORI DEL PDL (ECCETTO QUALCHE INVASATO) VOTI A SINISTRA? OPPURE SIETE COSI' ALTRETTANTO SICURI CHE GLI ELETTORI DELLA SINISTRA RADICALE ANDRANNO IN MASSA A VOTARE PER COSTA DEL PD (PARTITO CHE NE HA DETERMINATO L'ESTINZIONE?) MEDITATE GENTE, MEDITATE. LE DICHIARAZIONI DI VOTO DEI PARTITI CONTANO POCO PIU' DI ZERO.

segnala commento inopportuno

Secondo questo principio si parte da zero visto che anche le dichiarazioni degli esponenti della Lega valgono zero.
E' chiaro che se i vittoriesi devono votare sulla base del curriculum del candidato e non delle indicazioni di partito il vincitore non può essere che Costa.

segnala commento inopportuno

Costa sarebbe di sinistra??
Tonon e Botteon sarebbero di sinistra?
Della sinistra (nel bene e nel male) nel PD non è rimasto granché! E infatti i rapporti e le affinità con la Costantini si vedono! No alle primarie di coalizione, no all'apparentamento...

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dossier

ELEZIONI GIUGNO 2009

La Marca al voto: tutti i risultati delle elezioni amministrative ed europee del 6 e 7 giugno 2009

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×