25/04/2018quasi sereno

26/04/2018piovaschi e schiarite

27/04/2018quasi sereno

25 aprile 2018

Rugby

Leoni, vittoria in rimonta con bonus

Contro la franchigia sudafricana dei Toyota Cheetahs, i biancoverdi, in svantaggio, chiudono 27-21

Rugby

Leoni, vittoria in rimonta con bonus

TREVISO - Questo pomeriggio allo Stadio Monigo, dopo le due vittorie contro le Zebre Rugby Club, è arrivata un’altra convincente prova da parte dei Leoni che hanno sconfitto i Cheetahs Rugby conquistando anche il punto di bonus in virtù della quattro mete realizzate.

Il match è subito vivo con due attacchi, uno per parte, prima i biancoverdi con Benvenuti e dopo gli ospiti con il tallonatore Van Jaarsveld ma le rispettive difese si fanno trovare preparate e respingono l’attacco.

Al’7 gli ospiti passano in vantaggio, in seguito ad un fallo commesso dai Leoni, arriva il calcio di punizione che permette a Zeilinga di andare per i pali e centrarli. Sulla reazione degli uomini di Crowley, questa volta sono i sudafricani a commettere fallo: Banks da posizione favorevole calcia fuori.

Trascorrono dieci minuti ed i Cheetahs raddoppiano ancora dalla piazzola con il loro mediano di apertura.

Al 30’, con uno scatto sull’out di sinistra, ci prova Ioane a rendersi pericoloso e creare delle difficoltà agli ospiti che difendono bene e lo portano fuori a ridosso dei propri 22. Quindi un calcio di Zeilinga allunga le distanze per i Cheetahs portandoli oltre il break.

Sullo scadere di primo tempo però, un’ottima azione corale dei Leoni condotta da Banks porta poi Ioane in meta riaprendo di fatto il match, l’apertura biancoverde dalla piazzola colpisce il palo.

Il primo tempo si chiude sul punteggio di 5 a 9 in favore della franchigia sudafricana. La ripresa comincia con una serie di cambi effettuati da coach Crowley, i Leoni sembrano sortirne gli effetti conquistando un calcio di punizione che Banks realizza portando i suoi sotto di un solo punto. Ma sul restart i Cheetahs trovano la meta con Mohoje, Zeilinga trasforma.

Al 54’ buona azione dei Leoni che si portano con Zani sulla linea di meta, il pilone viene fermato irregolarmente da Van Jaarsveld, il direttore di gara ferma il gioco ed estrae il cartellino giallo. Il Benetton sceglie di riprendere con una mischia, così Shaun Venter toglie fallosamente l’ovale della mani di Douglas e costringe Murphy ad estrarre un altro cartellino giallo ai suoi danni; Cheetahs in 13 uomini.

Gli ospiti non possono che risentire dell’inferiorità numerica, al 58’ dopo varie fasi di gioco Faiva schiaccia nell’angolo sinistro, il calcio di Banks è corto. Alcuni minuti dopo altra azione dei Leoni ed altro sfondamento questa volta è Ruzza a schiacciare in meta, Banks dalla piazzola è preciso.

Benetton in pieno controllo del match, punizione calciata in touche, ovale portato a terra e maul costruita. Pian piano si avanza e si entra nuovamente in area di meta, è ancora Faiva a far gioire i tifosi biancoverdi. Marcatura trasformata da Banks.

I Cheetahs nonostante lo svantaggio ci credono, ad un minuto dalla fine trovano la meta ancora con Mohoje, sbaglia la trasformazione Marais. Quindi a tempo scaduto Sperandio prova l’azione in solitaria, calcio in profondità nella ricerca di recuperare l’ovale, purtroppo è beffardo il rimbalzo che non gli consente di raccogliere l’ovale e schiacciarlo in meta.

Il match termina così, il Benetton Rugby batte i Toyota Cheetahs 27 a 21.

BENETTON RUGBY - TOYOTA CHEETAHS 27-21

Marcatori: 7’ p. Zeilinga, 17’ p. Zeilinga, 32’ p. Zeilinga, 39’ meta Ioane, 45’ p. Banks, 46’ meta Mohoje tr. Zeilinga, 56’ meta Faiva, 62’ meta Ruzza tr. Banks, 68’ meta Faiva tr. Banks, 79’ meta di Mohoje
Note: 54’ giallo a Van Jaarsveld, 56’ giallo a S.Venter

BENETTON RUGBY: 15 Jayden Hayward (65’ Ian McKinley), 14 Luca Sperandio, 13 Tommaso Benvenuti, 12 Alberto Sgarbi, 11 Monty Ioane, 10 Marty Banks, 9 Tito Tebaldi (46’ Edoardo Gori), 8 Marco Barbini (40’ Sebastian Negri), 7 Abraham Steyn, 6 Whetu Douglas, 5 Dean Budd (C) (29’ Federico Ruzza) (39’ Dean Budd) (61’ Federico Ruzza), 4 Irné Herbst (46’ Marco Fuser), 3 Tiziano Pasquali, (73’ Cherif Traore), 2 Luca Bigi (40’ Hame Faiva), 1 Nicola Quaglio (40’ Federico Zani) (77’ Nicola Quaglio) Head Coach: Kieran Crowley

TOYOTA CHEETAHS 15 Craig Barry, 14 William Small Smith (63’ AJ Coertzen), 13 Francois Venter (C) (76’ Zee Mkhabela), 12 Nico Lee, 11 Makazola Mapimpi, 10 Fred Zeilinga (71’ Niel Marais), 9 Shaun Venter, 8 Uzair Cassiem (54’ Jacques Du Toit) (64’ Uzair Cassiem) (66’ Junior Pokomela), 7 Oupa Mohoje, 6 Paul Schoeman, 5 Reniel Hugo, 4 Carl Wegner (61’ Rynier Bernardo), 3 Johan Coetzee (70’ Tom Botha), 2 Torsten Van Jaarsveld (70’ Jacques Du Toit), 1 Charles Marais (51’ Ox Nche) Head Coach: Rory Duncan
 

 

Altri Eventi nella categoria Rugby

Valerio Bernabò
Valerio Bernabò

Rugby

"Non potevo chiedere di più, la mia carriera è stata un’avventura straordinaria. Il rugby mi ha dato moltissimo, in campo e fuori"

Bernabò dice basta

TREVISO - Il Cammello ha finito il suo lungo viaggio. A trentaquattro anni Valerio Bernabò, seconda linea romano classe 1984, per tutti “Cammellone”, saluta il rugby giocato.

Benetton Rugby
Benetton Rugby

Rugby

Preparazione lontano da Monigo per il derby tricolore contro le Zebre

Benetton in ritiro in Toscana

TREVISO - Dopo lo storico successo ottenuto pochi giorni fa battendo il Leinster Rugby alla RDS Arena di Dublino, i Leoni questo pomeriggio partiranno per Fiesole.

un incontro tra Benetton e Leinster (foto d'archivio)
un incontro tra Benetton e Leinster (foto d'archivio)

Rugby

Per la formazione biancoverde vittoria in rimonta al cospetto del Leinster. È l'undicesimo successo nel torneo, il primo a Dublino

Benetton nella storia: vince anche in Irlanda!

DUBLINO (IRLANDA) - Doveva essere la vittima sacrificale. E invece si è visto di tutto, tranne che dei Leoni rinunciatari, anzi.

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.934

Anno XXXVII n° 8 / 26 aprile 2018

MARGHERITA, LA BAMBINA NINJA

Margherita, la bambina ninja. È nata senza un braccio, e ora è campionessa di taekwondo

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×