25/09/2017quasi sereno

26/09/2017quasi sereno

27/09/2017quasi sereno

25 settembre 2017

Mogliano

"L'erba alle rotonde? Lavorino gli extracomunitari"

Dopo l'incidente a Mogliano, l'ex assessore Lucia Tronchin torna a pungere l'esecutivo: "Una proposta da non sottovalutare"

commenti |

MOGLIANO - L'incidente causato dall’erba alta nelle rotonde del territorio moglianese è arrivato, per fortuna senza feriti, e l’ex Assessore Lucia Tronchin (nella foto) ricorda al Sindaco di Mogliano il suo suggerimento di impiegare gli extracomunitari per lo sfalcio dell’erba almeno nelle rotonde.

“Il Sindaco di Mogliano – precisa la Tronchin – impari dal suo collega di Preganziol. Leggo che il Sindaco di quel Comune ha ritenuto ottima la proposta da me fatta alcuni giorni fa tanto che l’ha realizzata immediatamente utilizzando la forza lavoro dei profughi per alcuni lavori urgenti tipo lo sfalcio dell’erba, come avevo suggerito al nostro sindaco”.


“Mi spiace rilevare che la nostra Amministrazione sia solo a parole per l’integrazione e che non faccia mai tesoro dei suggerimenti di una opposizione collaborativa rimanendo assolutamente inerte di fronte alle problematiche sollevate dai cittadini”.

“Mi auguro che, visto che i miei suggerimenti vengono accolti da un sindaco anch’esso del PD, conclude la Ronchin – il nostro Sindaco abbia la voglia di copiare un buon percorso già realizzato”.
 

Gianfranco Vergani

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

20/07/2017

Tamponato sul Terraglio, finisce in ospedale

Incidente giovedì mattina a Mogliano: furgone tamponato perde il carico. Il conducente è stato ricoverato in pronto Soccorso. Sul posto anche l'autogrù dei Vigili del Fuoco

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×