23/11/2017coperto

24/11/2017nuvoloso

25/11/2017pioggia

23 novembre 2017

Lavoro

L'esperto, il call center aiuta farmacie ad assecondare domanda di otc.

AdnKronos | commenti |

Milano, 21 ago. (Labitalia) - "Il call center aiuta le farmacie ad assecondare la domanda di otc (farmaci da banco)". Lo dice, in un'intervista a Labitalia, Marco Carloni, amministratore di Zeuner, call center di Seveso, nell’hinterland milanese, fondato nel 2010.

"Negli ultimi anni -ricorda- mediamente la spesa per i farmaci da automedicazione cresce il doppio di quella dei farmaci etici. La spesa per automedicazione aumenta in tutte le Regioni, maggiormente nelle provincie autonome di Bolzano e Trento e in Veneto. La crescita del settore otc sarebbe meglio gestibile e ulteriormente assecondabile se affrontata in termini di marketing su più fronti".

"I rimborsi -commenta- da parte del Servizio sanitario nazionale per i farmaci etici possono ritardare anche fino a 300 giorni, mentre gli incassi derivanti dagli otc sono subito disponibili e consentono buoni spazi di manovra sui margini".

"Nell’etico -spiega Marco Carloni- sono coinvolte tre figure: decisore (medico), buyer (farmacista) e utilizzatore finale, mentre nell’Otc le figure sono due: buyer (farmacista) e acquirente-decisore che coincidono. Anche la logistica facilita: la catena farmacia-grossista-azienda dell’etico è più complessa anche solo per motivi di conservazione del prodotto e di sicurezza rispetto a quella dell’otc".

"Secondo le nostre analisi -afferma- le farmacie con l’otc fanno più ricavi, mentre l’etico è più essenziale per il posizionamento: le persone vedono le farmacie come istituzione più autorevole rispetto alle parafarmacia".

"Abbiamo classificato -sottolinea- le farmacie per tipo di rotazione: alta (10% circa del totale), medio-alta (30%) e bassa (60%). In particolare nel secondo e terzo caso la catena informativa classica, costituita da informatore-grossista-farmacia, può avere dei limiti. Il call center può essere un’alternativa professionale sia in termini di informazione che di vendita vera e propria. Si pensi anche al costo per un informatore che deve raggiungere una farmacia sperduta, mentre un call center può contattarne comodamente diverse in un giorno".

"I banchi e gli scaffali delle farmacie -continua Carloni- sono occupati da prodotti otc, ogni centimetro è prezioso. Il call center consente alla farmacie di effettuare acquisti più consapevoli e ragionati e va a ottimizzare il carico ordini azienda-grossista-farmacia, consentendo in ultima analisi ai tre soggetti della filiera di negoziare e ottenere maggiori margini sull’acquisto. Gli stessi grossisti, che gestiscono un’attività tipicamente multibrand, anch’essi alla ricerca di nuovi clienti, si rivolgono a call center per aumentare il loro giro di affari trovando nuovi clienti tra le farmacie".

Per Carloni "sono fondamentali la specializzazione nel settore e il ricorso a tecnologie, tecniche e sistemi gestionali innovativi. Tra i nostri clienti abbiamo aziende come Manetti&Roberts, Nestlè, Galderma e Desa Pharma, che ci affidano le loro attività nei confronti delle circa 17mila farmacie italiane".

"Utilizziamo operatori -assicura- con almeno dieci anni di esperienza nella fattispecie, personale esclusivamente italiano che opera totalmente nella sede di Seveso. Abbiamo messo a punto un innovativo sistema gestionale che trae ispirazione e si rifà ai principi della lean production (produzione snella), supportato da massima tecnologia (crm integrato, connessione Internet in fibra ottica, centrale telefonica Voip in fault-tolerance)".

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×