16 settembre 2019

Treviso

Letame, insulti e fumogeni contro la sede della Lega

Blitz degli attivisti del centro sociale Django nella sede del Carroccio di Quinto

commenti |

QUINTO Blitz ieri sera nella sede della Lega Nord a Quinto. Un gruppo di attivisti appartenenti al centro sociale Django di Treviso, ha attaccato la sede con fumogeni, gettato alcuni secchi di letame e con la vernice rossa hanno scritto sulla facciata della sede, “razzisti” e “schifosi”. Chiaro il riferimento al sindaco e all’amministrazione che nei giorni scorsi aveva cacciato un pulmino con quindici profughi arrivato davanti alla Casa delle suore, che si trova proprio di fronte alla sede leghista.

L’assalto è durato pochi minuti, subito dopo sul posto sono intervneuti i carabinieri.

“Dopo i gravissimi fatti di qualche giorno fa in cui il sindaco Dal Zilio ha respinto l'accoglienza ad una ragazza incinta, non si poteva restare a guardare - hanno scritto poco dopo gli attivisti sulla pagina Facebook del centro sociale Django -è stata così sanzionata la sede della lega di Quinto di Treviso, città teatro di questo ennesimo exploit razzista! Siamo convinti che sia anche il caso di usare un lessico appropriato e per questo sulla strada è comparsa la scritta “Dal Zilio razzista”, ricordandogli quanto sia facile fare il prepotente con i più deboli solo per farsi forti agli occhi degli altri. Fermi non si poteva stare”.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×