28/06/2017temporale forte

29/06/2017parz nuvoloso

30/06/2017parz nuvoloso

28 giugno 2017

Nord-Est

Lettera con proiettili a Stacchio e Zancan

commenti |

VENEZIA - Una busta da lettere bianca con due proiettili è stata fatta recapitare nell'abitazione di Roberto Zancan e Graziano Stacchio (in foto). Quest'ultimo è il benzinaio di Ponte di Nanto che che la sera del 3 febbraio scorso sparò ad un gruppo di banditi, uccidendone uno, Albano Cassol, mentre stavano compiendo una rapina nella gioielleria di Zancan, accanto al suo esercizio commerciale.

La missiva, come riportano i giornali locali, era accompagnata da un fermo immagine che ritrae i due in una trasmissione e da alcune frasi minacciose. E' la seconda volta che Stacchio e il gioielliere ricevono proiettili e minacce dopo l'episodio che li ha visti coinvolti e anche nella precedente occasione era avvenuto dopo la loro presenza allo stesso programma televisivo.


Sul caso ora stanno indagando i Carabinieri, coordinati dal sostituto procuratore Cristina Gava, titolare dell'inchiesta sulla rapina alla gioielleria Zancan. Per la morte di Cassol, il benzinaio è iscritto nel registro degli indagati per eccesso colposo di legittima difesa.

 

Commenta questo articolo


Loading...
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×