28/06/2017temporale forte

29/06/2017parz nuvoloso

30/06/2017parz nuvoloso

28 giugno 2017

Montebelluna

Levi, Tiziana Favero: “Utile un clima più disteso”

La candidata Sindaco richiama le parti alla responsabilità e fa appello perché si abbassino i toni

commenti |

MONTEBELLUNA - “Vista la delicatezza della situazione e al fine di evitare che qualsiasi posizione assunta venisse letta come strumentalizzazione politica, non sono fin qui entrata nella complicata questione del Liceo Levi. Mi sento però ora in obbligo di intervenire per chiedere alle parti di abbassare i toni, per il bene dei ragazzi e per il buon nome del nostro Istituto cittadino”.

A dirlo è Tiziana Favero (in foto), candidata Sindaco di Montebelluna per L’Alternativa Giusta e Cittadini per Montebelluna - Bellona - Fare!

 

“Condivisibili nella richiesta di non speculare sui problemi della scuola, ho dunque il dovere di precisare che le dichiarazioni del professor Pernechele sono state rese a titolo personale in qualità di insegnante dell’Istituto. Se per un verso sono indignata che tutte le Istituzioni e gli organi preposti, tra l'altro retti da persone adulte e competenti, non siano ancora intervenuti per porre fine a questa triste vicenda che mette in cattiva luce un Istituto di eccellenza quale è il Levi, dall’altro sento il dovere di richiamare tutte le parti, quelle coinvolte e quelle che hanno avuto il cattivo gusto di usare tale situazione come terreno di scontro politico, alla distensione.

E - sottolinea Tiziana Favero - chi ha più potere ha anche più responsabilità nello svelenire il clima che si è formato, complice, purtroppo, la competizione elettorale”.

 

 

Commenta questo articolo


Loading...

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.916

Anno XXXVI n° 12 / Giovedì 22 giugno 2017

C'ERA UNA VOLTA VIA CAPRERA

Lo sceriffo Gentilini ce l’ha ancora nel cuore. Tanto da prendere carta e penna e scrivere al Quindicinale. Per far memoria di una strada che era “centro commerciale urbano”. Dove si trovava il cementista, lo zoccolaio, lo stradin, l’osteria col servizio di carrozze....

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×