16 settembre 2019

Vittorio Veneto

L'(EX) SENATUR A VITTORIO

Umberto Bossi testimonial delle candidature di Da Re e Scottà

| commenti | (20) |

| commenti | (20) |

Vittorio Veneto - Non era bastata la discesa in campo dei più bei nomi della Lega trevigiana: dopo che già Zaia, Gentilini e Gobbo si erano spesi a favore della candidatura di Gianantonio Da Re a sindaco di Vittorio e di Scottà al parlamento europeo, anche il capo in persona sale a Vittorio Veneto.

Umberto Bossi sarà presente in città domani (15 maggio) alle 18, in piazza Giovanni Paolo I, per appoggiare la campagna elettorale del sindaco uscente di Vittorio Veneto alle prossime elezioni europee. Il ministro delle Riforme per il federalismo presenterà anche il candidato leghista Toni Da Re, aspirante primo cittadino di Vittorio.

È la prima volta che un vittoriese è candidato al Parlamento europeo. “È una grande occasione – spiega Toni Da Re – per la città e per la provincia di Treviso. Vittorio Veneto deve diventare una capitale del Veneto orientale. Per questo è importante assicurare la collaborazione tra istituzioni a tutti i livelli, dalla Provincia alla Regione per finire all’Europa”.

Saranno presenti anche la senatrice Rosi Mauro, vice presidente del Senato, insieme al collega Federico Bricolo, presidente del gruppo del Carroccio a Palazzo Madama, e ai senatori trevigiani Giorgio Stiffoni e Giampaolo Vallardi.

Folta anche la rappresentanza da Montecitorio, con in testa gli onorevoli Gianpaolo Dozzo, Luciano Dussin e Guido Dussin. Con loro il sindaco di Treviso Giampaolo Gobbo e il presidente della Provincia Leonardo Muraro.

 

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Commenta questo articolo



Qualcuno mi spiega, per cortesia...
Ma ministri e deputati e amministratori in carica
possono fare propaganda elettorale?

Massimo B

segnala commento inopportuno

Certo che possono, sono liberi cittadini anche loro no? Pure gli altri lo fanno. A Vittorio non era venuta anche l'europarlamentare Lilly Gruber a sostenere Pavan?
E' normale in campagna elettorale, e Vittorio costituisce un laboratorio appetibile. A dispetto di Grillini a cui basta solo chiacchierare e che non raccolgono nulla con la politica del gnent che va ben, pregiudicati politici e via discorrendo.

segnala commento inopportuno

aaaaa bea zent proprio.
ma bossi chi? quello condannato?

segnala commento inopportuno

Oggi viene premiata esclusivamente la stupidità e il non saper fare..Vergognamoci di questa Italia!

segnala commento inopportuno

A proposito di "Oggi viene premiata"
Quando mai si è visto un ministro dell'impegno di Luca Zaia,
un Brunetta che sta mettendo ordine alla pubblica ammnistrazione, una Gelmini che si sta occupando di quei 90.000 personaggi del mondo della scuola pubblica che non servono a nessuno. Solo questi ultimi costano alla società almeno 3 miliardi e mezzo di € all'anno, che ripartiti su quelle 4.100.000 pensioni da 435 € al mese, significa che ognuno di questi pensionati pagano 71 € al mese per questo
spreco. Vogliamo continuare? L'Italia, l'ultimo Paese al mondo dove di parla ancora di cattokomunismo.

segnala commento inopportuno

Chi parla di cattocomunismo, in Italia e nel mondo, sono solo i qualunquisti come te. Quanto a chi lavora nel mondo della scuola, sarà gente inutile per chi a scuola andava solo a scaldare i banchi ed evidentemente si trova ad uno stadio evolutivo pre-Neanderthal, in cui evidentemente ti riconosci, perché solo questo giustifica certe affermazioni...

segnala commento inopportuno

Carissimo kaspar hauser,
Se ti esprimi così allora vieni dal mondo della scuola! Sei forse un sessantottino con il fiore all'occhiello per la conquista del 18 politico? Io non ho parlato solo di cattokomunismo, ma ho appena accennato ad alcuni problemi reali, un modo di prendere coscienza di quanto avete fatto dal '68 in poi.

segnala commento inopportuno

Caro Tarcisio, premesso che nel '68 nemmeno ero nato, ribadisco che per considerare inutile il mondo della scuola e lodare la Gelmini bisogna o non avere figli o nipoti o non aver a cuore il loro futuro e quello dell'Italia. Vai a vedere quanto spendono nella scuola Germania, Svizzera, Finlandia e gli altri paesi più evoluti dal punto di vista socio-economico e culturale e poi dimmi se la decadenza inarrestabile dell'Italia non va a braccetto con certi programmi di smantellamento dell'istruzione pubblica...

segnala commento inopportuno

Cro Tarcisio vai a CaFoscari e chiedi quante volte era presente in facoltà il professore Brunetta.
Ti potrai così rendere conto del significato della parola IPOCRITA

segnala commento inopportuno

L'impegno del ministro Zaia? Eccotelo servito.
Da quando è ministro sono stati fatti 3 vertici dei ministri europei dell'agricoltura e li ha saltati tutti e tre.
Pensate non si aimportante? Sappiate che tutte le politiche sull'agricoltura non sono decise a Roma, ma a Bruxelles. Poi venitevi a lamentare se i sussidi europei vanno ai Polacchi invece che a noi...
L'unica cosa che è riuscito a fare in questi mesi è stato premiare gli allevatori disonesti facendo pagare a tutti noi le multe per l'eccessiva produzione di latte.
Comlimenti!!!!

segnala commento inopportuno

Basta saper assecondare le direttive che vengono dall'alto e si è premiati. Mussolini, Hitler, Berlusconi docet!

segnala commento inopportuno

e i tuoi amici comunisti te li sei dimenticati ...poca memoria ....

comunque Mussolini ha fatto anche del bene in Italia ... e Berlusconi è un grandissimo statista ... vedrai alle prossima elezioni che % bulgara ...

Willy

segnala commento inopportuno

Essere un grande statista significa andare sui luoghi del terremoto e dire "Scusi signora, posso palparla un po'?"? Quanto a ciò che di buon ha fatto mussolini per l'Italia, ti riferisci alle migliaia di alpini mandati a morire in Russia? O all'allenza con Hitler? O alla Risiera di San Sabba? O alle leggi razziali? Devo continuare?

segnala commento inopportuno

cari signori che criticate la ottima legge votata oggi, andate a vedere com'è finito il rimpatrio fatto 10 anni fa da un governo di sx ....respinta una barca con oltre 100 albanesi morti ... forse questa è xenofobia ditelo al vostro amico Napolitano ,ci siamo beccato l'ultimo nostalgico del komunismo....un vero peccato ..... silvio al quirinale

willy

segnala commento inopportuno

...ma a lavorare no eh?
Tutti, dico, invece di chiedere voti, a lavorare per il paese? No eh?

segnala commento inopportuno

vedo che i SERVI del potere son tutti qui in bella mostra.
tranquilli che per quanto vi dimeniate non avrete nemmeno le briciole dai piani alti.
SERVI!

segnala commento inopportuno

"servi del Potere"
Complimenti, santa considerazione! Sono d'accordo con Te.

segnala commento inopportuno

Bossi non viene per fare propaganda ad un detersivo.
Viene per ricordarci che oggi abbiamo la possibilità di essere rappresentati in Europa da un nostro concittadino.
Vittorio Veneto dovrebbe essere fiero di Scottà

segnala commento inopportuno

Gli daranno anche l'interprete?
Già facciamo noi fatica a capire cosa dice, mi immagino cosa capiranno i francesi o i tedeschi. Voi direte che è meglio che non capiscano così gli italiani eviteranno di fare brutta figura.Ma forse questo non è un problema perchè sicuramente farà come il suo capo Gobbo che al parlamento europeo andava solo a prendere lo stipendio.

segnala commento inopportuno

Ma Bossi non aveva proprio altro da fare che non dare manforte ai quattro poveracci di Vittorio Veneto?
poteva risparmiarsi una figuraccia. Dopo Vittorio farà tappa in qualche sagra, suo reale e più importante obiettivo.
C'hanno un bel coraggio certi commentatori a paragonare sti pagliacci coi grillini, che persino seduti a casa loro hanno saputo raccogliere più consensi; oppure nell'insistere a difendere la insulsa politica governativa di attentati al cervello dei nostri figli; e dimenticando poi che Berlusconi (perchè è lui che li comanda) nel 97 riusciva addirittura a piangere pensando di rimandare indietro i barconi di profughi.
L'unica tassa federalista che c'era (devo dirvi quale?), l'avete venduta per sopravvivere, e ancora osate atteggiarvi?
Giusto per dirvelo in parole per voi comprensibili (con qualche sforzo): ma andate a quel paese!

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dossier

ELEZIONI GIUGNO 2009

La Marca al voto: tutti i risultati delle elezioni amministrative ed europee del 6 e 7 giugno 2009

Dello stesso argomento

immagine della news

26/05/2019

Italia al voto

Aperte le urne per il rinnovo del Parlamento europeo e per la tornata di amministrative

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×