22/10/2017pioggia debole

23/10/2017sereno con veli

24/10/2017quasi sereno

22 ottobre 2017

Conegliano

L'ex sindaco Bonet si dimette da consigliere comunale

"Per evitare qualsiasi dubbio sulle possibili incompatibilità tra il ruolo di consigliere comunale quello di presidente di Piave Servizi"

commenti |

A destra, nella foto, Alessandro Bonet, qui insieme a Matteo Salvini e al sindaco di Godega Paola Guzzo

GODEGA DI SANT'URBANO - “Dopo una lunga riflessione e dopo essermi opportunamente consultato ho deciso di formalizzare le mie dimissioni da consigliere comunale per evitare qualsiasi dubbio sulle possibili incompatibilità, in relazione alle normative vigenti, tra il ruolo di consigliere comunale stesso e quello di presidente di una società, quale è Piave Servizi, partecipata del Comune di Godega di Sant’ Urbano.

 

Auguro di cuore al sindaco, agli assessori e ai consiglieri comunali di poter avere le stesse soddisfazioni che ho avuto io, nei miei dieci anni di mandato amministrativo. Resto a disposizione del movimento nel quale sono cresciuto e con il quale ci sono molte battaglie da combattere per rivendicare i diritti dei nostri concittadini che continueranno ad avere in me un loro punto di riferimento.

 

Adesso la nostra priorità è il referendum per l’autonomia del Veneto una possibilità storica per trasformare il nostro territorio sul modello delle autonomie di Trento e Bolzano.”

 

Con queste parole l’attuale consigliere Alessandro Bonet ha rassegnato le proprie dimissioni dal suo incarico: prima era stato sindaco per due mandati consecutivi fino a giugno 2017, per poi essere eletto in consiglio comunale nelle ultime elezioni amministrative vinte da Paola Guzzo.

 

Proprio l’attuale sindaco ha voluto commentare le dimissioni di Bonet: “Comprendo a pieno le ragioni che hanno portato Alessandro a rassegnare le proprie dimissioni, delle quali peraltro abbiamo parlato nella massima tranquillità. Ringrazio Alessandro per il lavoro svolto in qualità di sindaco di Godega di Sant’Urbano nei dieci anni che hanno preceduto il mio mandato.

 

Sono stati dieci anni nei quali si è speso a pieno per il Comune e i suoi cittadini, a discapito della sua vita personale e lavorativa, insieme alle due giunte che lo hanno sostenuto in questo percorso. Lo ringrazio anche per la disponibilità che ha sempre dimostrato durante la mia esperienza da consigliere comunale e per il prezioso aiuto dato in campagna elettorale nella quale si è speso a pieno e senza riserve per la nostra lista, nonché per il sostegno e consiglio prezioso durate questi primi mesi del mio mandato.

 

Auguro ad Alessandro il meglio per la sua vita personale, professionale e per l’impegno nella qualità di presidente di Piave Servizi in cui sta già dimostrando capacità e competenze che sono certa gli permetteranno di svolgere al meglio il suo ruolo.”

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×