24/10/2017sereno

25/10/2017velature sparse

26/10/2017sereno con veli

24 ottobre 2017

Cronaca

Licata, sfiduciato sindaco che lotta contro abusi edilizi

commenti |

Il Consiglio comunale ha sfiduciato il sindaco 'anti abusivi' di Licata (Agrigento) Angelo Cambiano. Il voto di sfiducia è arrivato nella tarda serata di ieri in un'aula comunale affollata e infuocata. La mozione è stata approvata con 21 sì e 8 no, dopo quasi quattro ore di consiglio comunale. Non sono mancati i momenti di tensione. Cambiano, durante il suo intervento, parlando delle demolizioni, ha chiesto ad alcuni consiglieri in aula se hanno interessi o se siano coinvolti in questioni di abusivismo edilizio.

Ma il suo intervento è stato bloccato dalla Presidente del consiglio comunale Carmelinda Callea, secondo cui l'argomento "non era all'ordine del giorno". Cambiano ha fatto abbattere in poco meno di un anno 67 case abusive, così come prevede la legge. E un anno fa era stato anche destinatario di un gesto intimidatorio.

"Ringrazio quanti hanno creduto in me e mi hanno sostenuto in questi due anni - ha detto Cambiano alla fine del voto - Ringrazio quanti hanno lavorato non per la città ma per la sfiducia dal giorno dopo le elezioni: anche loro mi hanno spinto a Fare sempre di più. Auguro a questa città, la mia città che un giorno possa finalmente avere una politica degna che non sia fatta di vincitori o di vinti ma di persone che sappiano lavorare fianco a fianco per la città mettendosi al servizio della città e non servendosi di essa".

"È stato difficile essere Sindaco di una città tanto problematica ma è stato al contempo un vero onore per me - ha aggiunto - Io e la mia amministrazione ci abbiamo messo impegno, dedizione e passione. Ma quanto accaduto dimostra che la politica delle "promesse" e dei tornacontismi alla fine resta sempre in piedi. Da giovane Licatese questo è quanto mi amareggia di più". Cambiano ha già fatto sapere che impugnerà l'atto perché "le motivazioni riportate nella mozione sono solo bugie".

Nei giorni scorsi anche Ficarra&Picone erano intervenuti a favore del sindaco con un tweet, nel quale lo hanno paragonato al sindaco protagonista del loro ultimo fil 'L'Ora Legale'. E sempre sui social, dalla notte scorsa, sono tanti i post arrivati in sostegno del sindaco. "Il tornaconto politico ha vinto sul bene di Licata - scrive una cittadina - Esprimo tutta la mia solidarietà al sindaco e non ho nessun problema a dichiarare che per me angelo cambiano è stato il miglior sindaco di Licata degli ultimi 20 anni. Io non devo rendere conto a nessuno delle mie affermazioni o azioni, non so se chi ha votato la sfiducia può affermare di essere parimenti libero".

"Il film 'L'ora legale' sembra rappresentare correttamente l'attuale società, questo con sincero dispiacere" commenta qualcun altro, mentre un utente scrive lapidario: "Paese di ignoranti e raccomandati. Siamo abusivi e resteremo abusivi. E devo sentir parlare persone che non sanno nemmeno cosa significhi. Grazie di tutto". Un'altra, ancora, spiega: "Adesso tra qualche mese ci saranno le solite pecore in cerca di voti. Fate schifo. Stima per Angelo Cambiano che ha fatto di tutto per migliorare la nostra città".

Tanti, tantissimi cittadini di Licata si dicono infine "disgustati". "Che tristezza - conclude un'utente - Mi sembra di vivere in un paese dove non si vogliono vedere i cambiamenti, ma che si lamentano per ogni cosa. Vedendo la diretta ho visto il grado di ignoranza di molti. E poi non ci lamentiamo se ci fanno pure i film. Grande sindaco Angelo Cambiano. Ora beccatevi il commissariamento. Io sono disgustata"

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×