22/06/2018temporale e schiarite

23/06/2018quasi sereno

24/06/2018nuvoloso

22 giugno 2018

Cronaca

Litigano per pochi euro, poi la tragedia: 27enne strangola e uccide un uomo

commenti |

Un diverbio per una piccola somma di denaro, che poi sarebbe degenerato in una vera e propria lite durante la quale lo avrebbe strangolato: questi i contenuti della confessione di un muratore di 27 anni, C.C., di Taranto, che ha riferito ai carabinieri di aver ucciso sabato sera intorno alle 21, M. D., pensionato 83 enne nell'appartamento di quest'ultimo in via Diego Peluso nel centro del capoluogo jonico.

 

Il cadavere dell'uomo è stato trovato ieri pomeriggio verso le 15 dopo che lo stesso muratore poco prima delle 14 si era recato in caserma confessando il delitto. Sul posto del ritrovamento del cadavere si sono recati oltre ai carabinieri, il pm della Procura Giovanna Cannarile, il medico legale e i militari della Sezione Investigazioni Scientifiche. I due si conoscevano.

 

Secondo quanto riferito dal 27enne, la vittima lo avrebbe colpito con un bastone ed egli quindi gli avrebbe stretto le sue mani intorno al collo fino a strangolarlo.

 

L'uomo ha confermato la dinamica in presenza del proprio legale al pubblico ministero nella caserma dei carabinieri di Viale Virgilio, ed al termine dell'interrogatorio è stato dichiarato in stato di fermo per il reato di omicidio e condotto in carcere in attesa dell'udienza di convalida che si terrà nei prossimi giorni.

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.938

Anno XXXVII n° 12 / 21 giugno 2018

SULLA MIA PELLE

Il tatuaggio: una moda vecchia 5300 anni

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×