17 novembre 2019

Lavoro

L'Its raddoppia a Conegliano e punta alla tutela Unesco

commenti |

commenti |

Si è appena conclusa una settimana ricca di appuntamenti per l’ITS Academy Agroalimentare Veneto con sede a Conegliano, presso la Scuola Enologica G.B. Cerletti. Lunedì scorso, infatti, sono stati avviati con successo ben due corsi di formazione, raddoppiando il numero di studenti rispetto agli anni precedenti.

 

A seguito del riconoscimento a Patrimonio UNESCO delle colline del Prosecco di Conegliano-Valdobbiadene, l’ITS Academy insieme alle Aziende partner ha presentato un nuovo corso post-diploma di specializzazione nella salvaguardia dell’ambiente e valorizzazione dei prodotti tipici. L’obiettivo è di formare tecnici specializzati che siano in grado di aiutare le Aziende del territorio a crescere grazie alle opportunità che deriveranno dal riconoscimento UNESCO e dare ancora più valore alle produzioni agroalimentari locali.

 

Un grande successo è stato riscosso anche per il corso “storico”, specializzato nel controllo del processo produttivo agroalimentare. "All'avvio di un nuovo formativo - afferma Rosanna Carpenè, Presidente della Fondazione ITS Academy Agroalimentare Veneto - è doveroso formulare ai tutti i Corsisti il mio più sentito augurio di un buon inizio e di un migliore proseguimento.

 

 

Con i migliori auspici, quindi, affinché il loro percorso sia proficuo e possano ambire al miglior risultato, proponendosi finanche come potenziali vincitori della prossima Borsa di Studio Internazionale "Etilia Carpenè Larivera", che offre agli Allievi più meritevoli la possibilità di compiere una esperienza all’estero presso Università ed Imprese, con l’obiettivo di permettere un approfondimento delle dinamiche economico-finanziarie inerenti al settore agro-alimentare ed alla sostenibilità ambientale quali fattori critici di successo sui mercati internazionali. Sabato scorso, infatti, si sono svolte le celebrazioni per la consegna della Borsa di Studio Internazionale proposta dalla casa spumantistica coneglianese Carpenè-Malvolti spa, socio Fondatore dell’ITS Academy, intitolata “Etilia Carpenè Larivera”.

 

La prestigiosa Borsa di Studio è stata vinta dalla neo-diplomata Gloria Feltrin, che grazie al suo Project Work presentato all’esame conclusivo intitolato “Madre, il sapore del coraggio” è riuscita a sviluppare un’analisi originale ed efficace del suo stage durante il percorso ITS. La mattinata di festeggiamenti si è conclusa con la consegna dei Diplomi di alcuni dei 68 Tecnici Superiore diplomati nel 2018 in tutte le sedi venete dell’ITS Academy: Conegliano, Padova e Verona. I neo-diplomati, ormai sul mercato del lavoro da un anno, hanno seguito una formazione in aula ed in azienda per sviluppare le proprie competenze nel marketing dei prodotti agroalimentari.

 

“Questo tipo di corsi rispondono alle esigenze delle imprese” riporta Damiana Tervilli, Direttore dell’ITS Academy. “Grazie ai finanziamenti di Regione Veneto, MIUR e aziende private riusciamo a garantire un percorso di specializzazione di altissima qualità con un impatto minimo sulle tasche delle famiglie. L’obiettivo è permettere ai corsisti di inserirsi nel mondo del lavoro entro 12 mesi dalla conclusione del percorso, ed i numeri sino ad ora ci stanno dando ragione. La collaborazione con realtà aziendali di grande rilievo come Carpenè Malvolti, non da ultimo, ci permette di offrire un servizio ancora più mirato e di qualità”.

 

 

Per riportare un altro esempio di collaborazione virtuosa con aziende partner, nel 2019 gli studenti ITS hanno potuto sperimentare attraverso il “design thinking” la ricerca di soluzioni a tema “Impresa 4.0” per il controllo della filiera nel settore vinicolo. La metodologia si compone di cinque step: empatia, definizione, ideazione, prototipazione e test. L’azienda partner ha aperto le proprie porte agli studenti per permettere loro di indagare e capire quali elementi di sviluppo ci potessero essere a livello di processo e di prodotto, sino ad arrivare ad una proposta concreta. Il risultato della ricerca è stato presentato al MIUR a Roma lo scorso giugno.

 

“È stato entusiasmante coinvolgere gli studenti in progetti di innovazione grazie al design thinking. Queste attività portano molteplici vantaggi: nuove esperienze per gli studenti, nuove sperimentazioni didattiche per noi operatori e innovazione che siamo pronti a trasferire alle aziende”, spiega Elia Casagrande, referente interno per il progetto. L’idea sviluppata dall’ITS punta a rafforzare una collaborazione tra il produttore, i suoi clienti ed i distributori attraverso l’adozione di innovativi sistemi di raccolta dati e tracciabilità.

 

Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×