22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017temporale e schiarite

22 settembre 2017

Valdobbiadene Pieve di Soligo

L'ultimo addio al 27enne D'Agostin, il ricordo commosso del padre: "Ci hai lasciato troppo in fretta"

Oggi pomeriggio il funerale, tantissimi amici, colleghi e parenti nella chiesa di Tovena

commenti |

CISON DI VALMARINO - Un lungo e spontaneo applauso al termine della lettura delle accorate parole di papà Adriano ha risuonato con tutta la sua forza nella parrocchiale di Tovena, gremita oggi pomeriggio per l’addio a Roberto D’Agostin.

 

“Un figlio che penso tutti abbiano il piacere di avere, sempre col sorriso sulle labbra, disponibile per tutti. Nessun odio nel suo cuore ma solo tanto amore. Ci hai lasciato troppo in fretta”.

 

Tantissimi gli amici, conoscenti e colleghi di lavoro che si sono riversati lungo le strade di Tovena per portare un ultimo saluto al 27enne tragicamente scomparso nell’incidente stradale di venerdì scorso e una testimonianza d’affetto e sostegno alla famiglia distrutta dal dolore.

 

E’ stato monsignor Adriano Sant, parroco di Cison e Tovena, a indirizzare un forte messaggio a tutti i presenti, dando risonanza a un pensiero espresso per iscritto nei giorni scorsi dai tanti amici di Roberto. “E’ un arrivederci, non un addio”. E poi ancora, lo spunto per ricordare il giovane barista, è arrivato ancora una volta dalla lettura dei messaggi lasciati dagli amici, la sua seconda famiglia.

 

“Tra tutti – ha commentato monsignor Sant – mi ha colpito quello che scriveva: “Il solo incontrarti mi cambiava in meglio la giornata”. Questo è l’esempio che Roberto ha lasciato a tutti”. Protagonista in vita e, anche ora dopo la sua tragica morte, impresso nei ricordi e nei cuori di tutti quelli che lo hanno conosciuto, il suo sorriso: aperto e sincero.

 

Hanno salutato ieri per l’ultima volta il 27enne di Tovena ex ciclista e appassionato sportivo, anche le società ciclistiche di cui aveva fatto parte fino ai 22 anni. Indosso le maglie colorate con le quali Roberto D’Agostin aveva vinto e gareggiato.

 

Silvia Ceschin

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×