20/07/2018possibile temporale

21/07/2018possibile temporale

22/07/2018possibile temporale

20 luglio 2018

L'unica famiglia possibile é la "Famiglia Tradizionale"

Categoria: Notizie e politica - Tags: family, fay, famiglia, tradizionale, omosessualità, stati, uniti

immagine dell'autore

Paolo Pandin | commenti |


"L'unica famiglia che può esistere é quella tradizionale, composta da un padre (sesso maschile) e una madre (sesso femminile) che generano dei figli e li crescono." Quindi, dopo queste parole (violente, secondo alcuni) ripetute negli ultimi anni da politici, giornalisti e membri della chiesa cattolica, vorrei fare un appello altrettanto chiaro.
Tu, figlio o figlia, bimbo o bimba, ragazzo o ragazza, che hai un genitore o entrambi, che hanno l'amante, non hai una famiglia.
Tu che hai i genitori divorziati. Non hai una famiglia.
Tu che hai un solo genitore. Non hai una famiglia.
Tu che hai dei genitori dello stesso sesso. Non hai una famiglia.
Tu che sei stato adottato. Non hai una famiglia.
Tu che non hai genitori e sei in una comunità con persone che si prendono cura di te. Non hai una famiglia.
Tu che non hai i genitori e vivi con i parenti. Non hai una famiglia.
Perché la famiglia non é quel luogo dove ci sono delle persone che ti amano, ti aiutano a crescere, ti educano e che ti insegnano cos'è l'affetto e cosa sono i sentimenti. No. La famiglia é quella cosa composta da maschio e femmina che si riproducono e crescono il/la figlio/a. Anche se sono dei violenti. Anche se sono amorevoli. Comunque sono nello stesso insieme. Sono l'unica famiglia possibile. La famiglia tradizionale. Evviva la famiglia tradizionale! Family Day rules.


 


Paolo



PS. Intanto negli Stati Uniti da oggi in poi non si parlerà più di matrimoni omosessuali e matrimoni tradizionali, ma solamente di matrimoni. La storia e la civiltà vanno avanti.



Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×