16 settembre 2019

Conegliano

Malori fatali, Sirti: "I decessi non hanno a che vedere col lavoro"

L'azienda rassicura i dipendenti: "Tutti gli operai e i tecnici sono soggetti a controlli medici periodici"

commenti |

MARENO DI PIAVE - “Non risulta alcun nesso e fondamento medico-scientifico tra l'attività lavorativa e le cause del decesso dei lavoratori Daniele Bonesso e Marco Peressini”. Ha rassicurato i dipendenti, l’azienda Sirti, in merito al sospetto che la morti dei due lavoratori per arresto cardiaco, avvenute a pochi mesi di distanza, avessero qualcosa a che fare con il lavoro che questi svolgevanano.

 

“Tutte le attività lavorative in Sirti - riferisce l’azienda in una nota - sono svolte nel rigoroso rispetto delle norme sulla sicurezza e salvaguardia dei lavoratori e sono oggetto di costante monitoraggio. Tutti gli operai e i tecnici Sirti sono soggetti a controlli medici periodici, nei quali è compreso anche il controllo del tracciato cardiaco, che ne definiscono l'idoneità alla mansione che svolgono ed eventualmente le limitazioni da imporre nell'attività lavorativa”.

 

"Dagli archivi dell'azienda - si legge inoltre nella nota - non risultano precedenti che registrino decessi in circostanze simili. I due colleghi inoltre svolgevano attività molto diverse tra loro. Bonesso era caposquadra di lavori civili, Peressini invece era un giuntista di cavi in fibra ottica e rame, sarebbe un errore dunque considerare i due casi come parte di uno stesso fenomeno".

Il caso verrà in ogni caso approfondito.

 

Leggi altre notizie di Conegliano

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×