21/07/2017quasi sereno

22/07/2017quasi sereno

23/07/2017quasi sereno

21 luglio 2017

Lavoro

Manageritalia, crescono startup innovative e a trazione giovanile.

AdnKronos | commenti |

Bologna, 16 feb. (Labitalia) - In base a un’analisi di Manageritalia su dati Mise (Ministero dello Sviluppo Economico), le startup innovative  avanzano e sono a trazione giovanile. A fine 2016, quelle iscritte allo specifico registro attivo dal 18 dicembre 2012 presso il Mise sono risultate 6.745 (+382, +6% rispetto fine di settembre) e rappresentano lo 0,4% del milione e mezzo di società di capitali attive in Italia (il dato è condizionato dall’uscita delle prime aziende nate, visto che per legge dopo i 4 anni di vita escono da questo registro e rientrano tra quello delle imprese generali). A fine settembre 2016, il numero complessivo di addetti è pari a 9.169 (3,4 addetti per unità). Il valore della produzione media, nel 2015, è di poco più di 144 mila euro, pari a una produzione complessiva di 584milioni di euro. Proprio per parlare del domani dei giovani e di startup, è in corso a Bologna, a Opificio Golinelli, il convegno 'Immaginare e costruire il domani per i giovani e il Paese', organizzato da Prioritalia, Manageritalia e Fondazione Golinelli.

Secondo l’analisi di Manageritalia, il 70,6% delle start up fornisce servizi alle imprese (prevalgono produzione software e consulenza informatica, 30,4%; attività di R&S, 14,37%; attività dei servizi d’informazione, 8,18%), il 19,45% opera nei settori dell’industria in senso stretto (soprattutto fabbricazione di computer e prodotti elettronici e ottici il 3,7%; macchinari 3,48% e apparecchiature elettriche 2,13%) e il 4,3% nel commercio. Ben 921 (13,7%) hanno una compagine sociale a prevalenza femminile (16,9% in tutte le società di capitali) e 2.961 (43,9%) con almeno una donna (49,7% in tutte le società di capitali). Quelle con soci a prevalenza giovanile (under 35) sono 1.538, il 22,80% del totale, ben più del 7,1% che caratterizza tutte le società di capitali, e 2.571 (38,1%) ne hanno almeno uno giovane (13,5%). A livello geografico, in valore assoluto, prevale la Lombardia (1.516, 22,5%), seguono l’Emilia-Romagna (770, 11,4%), il Lazio (662, 9,8%), il Veneto (539, 8%) e la Campania (431, 6,4%), prima regione del Mezzogiorno. In coda Basilicata (44), il Molise (27) e la Valle d’Aosta (17) startup innovative. La regione con la più elevata incidenza di startup innovative in rapporto al totale delle società di capitali è il Trentino-Alto Adige (1,1%).

Seguono le Marche con 0,8%, la Valle d’Aosta con 0,8%, l’Emilia-Romagna con 0,7% e il Friuli Venezia-Giulia con 0,7%. Lazio e Campania, nella top-5 per numero di startup totali, chiudono la classifica (rispettivamente 0,25% e 0,27%). Milano è la provincia con numero più elevato di startup innovative (1.040, 15,4% del totale nazionale). Seguono Roma con 572 (8,5%), Torino con 301 (4,5%), e Napoli, che con 209 (3,1%), sopravanza Bologna (188, 2,79%). Tutte le altre province che figurano tra le prime dieci, nell’ordine Modena, Padova, Firenze, Trento e Bari, superano le 100 unità.

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Loading...

Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.917

Anno XXXVI n° 13 / Giovedì 6 luglio 2017

LICENZIATO!

La spy-story (con drammatico finale) di Augustin Breda. Ex operaio Electrolux

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×