25/11/2017pioggia

26/11/2017piovaschi e schiarite

27/11/2017sereno

25 novembre 2017

Lavoro

Masiello (Coldiretti), a Parigi altro passo avanti per riconoscimento Unesco pizza.

AdnKronos | commenti |

Napoli, 14 nov. (Labitalia) - “Un altro passo in avanti per portare a casa un risultato storico per l’agroalimentare italiano, per Napoli e per la Campania”. Gennarino Masiello, vicepresidente nazionale di Coldiretti, commenta così l’incontro a cui a partecipato ieri a Parigi presso la sede centrale dell’Unesco. L’iniziativa, dal titolo 'L’arte della pizza napoletana: storia e tradizione di una passione', è stata organizzata da Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’Unesco, Fondazione UniVerde, Coldiretti e Associazione pizzaiuoli napoletani, in collaborazione con la Regione Campania e con il patrocinio del ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali. L’evento precede la Settimana della cucina italiana nel mondo (20-26 novembre) che celebra la decisione dell’Onu di dedicare il 2018 al cibo italiano nel mondo.

“Prosegue l’impegno di Coldiretti per il riconoscimento Unesco - spiega Masiello - che avrà la forza di rimettere al centro dell’attenzione il legame tra saperi artigianali e autenticità delle materie prime. Questo legame profondo è la ricetta vincente del made in Italy e del made in Campania. Nel saper fare dei pizzaioli c’è soprattutto la capacità di riconoscere, scegliere e valorizzare i nostri prodotti agroalimentari. La stessa tenacia e passione degli artigiani è nelle mani dei nostri agricoltori, che custodiscono il rapporto con la terra. Plinio il Vecchio, nella Naturalis Historia, riferendosi alla vite, diceva che ha la capacità di prendere dalla terra i suoi sapori. In senso più ampio potremmo dire che la straordinaria terra della Campania è in grado di dare ai suoi prodotti sapori unici al mondo”.

La pizza napoletana richiama nel consumatore mondiale il legame indissolubile tra la genuinità del cibo e la qualità degli ingredienti - farina dai migliori grani, lievito madre selezionatissimo, pomodoro sano e genuino, olio extravergine di oliva autentico, mozzarella di bufala campana - che raccontano la storia di un territorio attraverso sapori unici che presentano al mondo uno dei piatti italiani più apprezzati al mondo e che già si fregia del marchio Stg.

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


Ricerca Lavoro

Cerchi lavoro? Accedi al nostro servizio di ricerca. Seleziona tipologia e provincia e vedi le offerte proposte!


Cerca ora!

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.924

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×