23/10/2017sereno con veli

24/10/2017quasi sereno

25/10/2017sereno con veli

23 ottobre 2017

Vittorio Veneto

Materiale "sospetto" in piazza Meschio, esposto al NOE

Lo ha presentato il consigliere Gianantonio Da Re. Posocco si è rivolto all'Arpav

commenti |

La foto incriminante

VITTORIO VENETO - Piazza Meschio è finita anche sul tavolo del NOE, il Nucleo Operativo Ecologico dei Carabinieri posto alla "dipendenza funzionale" del Ministro dell'Ambiente "per la vigilanza, la prevenzione e la repressione delle violazioni compiute in danno dell'ambiente". A portarcelo l’ex sindaco e attuale consigliere di minoranza Toni Da Re che ha presentato un esposto in relazione allo scarico di materiali non bene identificato su piazza Meschio denunciato da una fotografia ricevuta da tutti i consiglieri comunali.

 

La comunicazione dell’esposto è stata data ieri quando la IV Commissione, convocata dal presidente De Bastiani, si è riunita in seguito alla richiesta dei consiglieri Fasan e Posocco. La fotografia arrivata nelle mani dei consiglieri ha mosso anche il consigliere Posocco che ha richiesto l’intervento dell’ARPAV. Secondo i consiglieri della Lega andrebbero fatti dei carotaggi e relative analisi del terreno sul luogo dove si vede il camion rovesciare il materiale che - secondo Posocco - dovrebbe trattarsi di inerti da demolizione. L’ipotesi è quella di violazione dell’articolo del Codice dell'Ambiente che prevede pene per i titolari di imprese e ai responsabili di enti che abbandonano o depositano in modo incontrollato i rifiuti.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×