28/05/2018variabile

29/05/2018possibile temporale

30/05/2018possibile temporale

28 maggio 2018

Conegliano

MATERNITA': L'ANPEP BACCHETTA LA GELMINI

L’Anpep: "2 ore di permesso retribuito fin dall’inizio della gestazione"

| commenti | (4) |

| commenti | (4) |

Conegliano - “Neppure un giorno a casa per la maternità”, aveva annunciato il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini, confermando tutti i suoi impegni e le sue proposte di riforma, indipendentemente dalla gravidanza.

Alla conferenza di presentazione del corso sulla generatività “Educare al concepimento naturale e consapevole del figlio” tenutasi la scorsa settimana a Conegliano, il dottor Gino Soldera, presidente dell’Associazione Nazionale di Psicologia ed Educazione Prenatale (Anpep) ha “bacchettato” il ministro, invitandola ad una più attenta valutazione del suo nuovo stato.

“Non tutte le donne riescono a conciliare la maternità con il lavoro: volerlo fare a tutti i costi può essere una forma di violenza su di sé e sul figlio – spiega Soldera - Molte donne che antepongono l’esperienza genitoriale alla professione, ritengono che mettere al mondo un figlio sia di per sé un lavoro, anzi, sia svolgere uno dei lavori più nobili ed elevati verso il quale la società non può che esprimere gratitudine”.

L’Anpep propone che la donna fin dall’inizio della gestazione possa usufruire di 2 ore al giorno di permesso retribuito (come per l’allattamento), per dedicare più tempo alla maternità, per alleggerire lo stress, che sappiamo avere degli effetti negativi sul nascituro e garantire una sana formazione e sviluppo del figlio e della famiglia.

 

Leggi altre notizie di Conegliano

Commenta questo articolo


bravi, era ora che qualcuno pensasse a questa possibilità, sempre per chi ne vuole usufruire.
soprattutto nelle seconde e successive gravidanze, quando arrivi dopo otto ore di lavoro, e il primo figlio chiede le attenzioni che gli sono dovute.

segnala commento inopportuno

Mi chiedo come mai il ministro abbia perso tempo prezioso in questa pratica!!
Porti un po' di più rispetto per le madri.

segnala commento inopportuno

Buona l'idea ipotizzata dal Dott. Soldera: due ore in meno di lavoro possono davvero fare la differenza per una futura mamma!

segnala commento inopportuno

La Gelmini non ha problemi ad andare a lavoro xche non è che faccia molto se non danni indicibili ed è pure pagata 15 mila euro al mese!!! Lavorasse veramente come tutte le altre donne dubito che prenderebbe la maternità con tanta leggerezza cosi come ha fatto con il suo 8immeritato) lavoro... Qualsiasi cosa faccia questa...

segnala commento inopportuno

Leggi altre notizie di Conegliano

Dello stesso argomento

immagine della news

25/05/2009

MUSICA PER NEONATI

Una ricerca ne spiega gli influssi (sia negativi che positivi)

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×