16/07/2018possibile temporale

17/07/2018quasi sereno

18/07/2018quasi sereno

16 luglio 2018

MATTEO RENZI? E' UN FIGLIO DI TROIKA! (p.2)

Categoria: Notizie e politica - Tags: Matteo Renzi, PAOLO BARNARD, euro, BCE

immagine dell'autore

Francesca Salvador | commenti | (10)

 

 

LA MODIFICA DELLA COSTITUZIONE

 

(...) Ovviamente poi c’è modo e modo per modificare la nostra Costituzione.

L’invocata riforma del Titolo V, che sulla spinta emotiva degli scandali scoperchiati con tempismo sospetto in quasi tutte le regioni italiane, dovrebbe rimettere ordine nei rapporti fra Stato centrale ed enti locali, potrebbe infatti nascondere l’ennesima fregatura per i cittadini italiani.

 

E’ stato lo stesso Renzi a ribadire pubblicamente che oltre a modificare il sistema dei trasferimenti, la gestione contabile e gli ambiti di competenza, la riforma intende mettere mano negli attuali metodi di erogazione dei servizi essenziali ai cittadini, nel settore cruciale e molto ambito delle cosiddette utilities: energia, trasporti, rifiuti e perché no anche acqua, a dispetto del voto contrario del referendum (non sarebbe la prima volta che in Italia verrebbe ignorata la volontà dei cittadini).

 

In un periodo di crisi come questo, le utilities rappresentano un lucroso investimento certo e garantito per tutti i grandi gruppi nazionali e internazionali che intendono continuare a depredare le ricchezze e i risparmi degli italiani. Si chiama captive demand, domanda imprigionata, perché bene o male, ricchi o poveri, tutti noi siamo obbligati ad utilizzare i servizi essenziali.

 

E considerando che in città metropolitane come Milano o Roma, le aziende interamente pubbliche o a prevalente partecipazione pubblica come A2A, ATM, ACEA, ATAC, fanno girare quantità di capitali da capogiro, è chiaro a chi veramente interessa la riforma del Titolo V della Costituzione.

 

Gli avvoltoi insomma sono in attesa di planare su questo ennesimo pasto succoso offerto dai nostri inqualificabili politici.

 

A noi non resta che tenere gli occhi bene aperti e continuare pazientemente ad organizzarci per riprenderci il nostro paese, la nostra sovranità. E il nostro futuro.

 

Piero Valerio

22.1.2014

http://tempesta-perfetta.blogspot.it/2014/01/exit-oltre-leuro-vademecum-per.html#more

 

 

L’EUROZONA HA GIA’ UCCISO IL GOVERNO RENZI.

 

Tragica cosa per le persone di questo Paese, non per sto egocentrico servo della finanza europea.

 

Renzi fallirà come un cretino qualsiasi.

 

Perché neppure può provarci. Non sto provocando, è che la sua è una missione impossibile.

 

Se non fosse sto pupazzo pompato che è, se conoscesse l’Eurozona e la macroeconomia, non si sarebbe cacciato in questo pasticcio (e badate che sto dicendo che pure i suoi padroni speculatori ci smeneranno il muso, perché sto gioco di creare una moneta unica per distruggere mezza Europa e fare un gran banchetto si è già ritorto contro chi l’ha pensato. Gli speculatori ci hanno fatto un po’ di fortune per pochi anni, ma sta finendo).

 

NO SOVRANITA’ MONETARIA.

Per prima cosa Renzi si ritrova senza sovranità monetaria, quindi senza nessuna delle leve economiche fondamentali di cui deve godere un governo degno di questo nome, e di cui godono gli USA, la GB, la Svezia o il Giappone.

 

Non ha una Banca Centrale che possa controllare inflazione, prezzo del denaro, tassi d’interesse, né monetizzare la spesa decisa dal Parlamento.

 

Renzi non possiede una moneta, e deve usare gli euro, da restituire con tassi non decisi da lui ai mercati di capitali internazionali.

 

Dovrà dunque tassarci a morte sempre, per fare quanto appena detto. Dovrà quindi mentire all’Italia fingendo col gioco delle tre carte di spostare fondi e investimenti essenziali (lavoro, infrastrutture, crescita…) da qui a lì, per poi rimangiarseli tutti con gli interessi. Dovrà rispettare il Pareggio di Bilancio, che peggiora ciò che ho appena scritto. Ovvero: Chemiotassazione garantita, impossibilità di investire per le aziende e tagli alla spesa.

 

Qui abbiamo la garanzia della decapitazione di: speranze di posti di lavoro; salari; pensioni; modernizzazione del Paese; Sanità; risparmi privati; piano industriale; risanamento bancario; crescita del PIL; e domanda aggregata. Potrei finire qui, ce n’è già a sufficienza, ma purtroppo…

 

I DEFICIT NEGATIVI.

Renzi si ritroverà in una spirale di Deficit Negativi mortali, cioè di tutte quelle spese di Stato imposte dalla crisi dell’Eurozona ma che non risolvono nulla, non producono nulla e che aumentano il debito di Stato.

 

Per prima cosa l’economia continuerà a contrarsi, come è già previsto per l’Italia dal FMI, Bloomberg, OCSE, Commissione UE, e quindi calerà sempre il gettito fiscale, che quindi va a ingrandire il debito.

 

L’economia impantanata significa che il miliardo di ore di cassa integrazione rimarranno e aumenteranno, pompando di nuovo il debito. I fallimenti aziendali non caleranno, la curva dei prestiti bancari insolventi aumenterà, e le banche italiane che già sono in parte fallite, dovranno essere ri-salvate, a suon di denaro pubblico, e ancora il debito sale. Assieme ad esso salgono gli interessi da pagare, sempre spesa di Stato, ancora più debito.

 

Ma stando in Eurozona, un debito che lievita è grave (con la Lira non lo sarebbe) perché porta all’allarme delle agenzie di rating, che porta all’allarme dei mercati di capitali che prestano a Renzi gli euro, che porta a tassi più alti sui titoli di Stato, che porta a più debito. Che farà Draghi a sto punto? Si metterà a comprarci i titoli di Stato per far scendere i nostri tassi? Farà cioè la famosa Outright Monetary Transaction?

 

Se lo fa, la Germania lo ammazza.

Non lo farà. Renzi rimane nel letame.

 

NO CRESCITA E DEFLAZIONE.

Renzi si ritrova con un’economia che si è contratta del 18% dalla fine degli anni ’90.

Per riportarci a quel livello di vita, dovrebbe riuscire a far crescere l’Italia del 20%.

No, calma, visto che oggi cresciamo dello 0,1% se va bene…. Il 20% fa ridere.

 

Renzi non è Roosevelt e non ha la sua testa.

 

Poi abbiamo il problema della deflazione che sta aggredendo tutta l’Eurozona, con la BCE disperata perché non sa più che fare per fermare il crollo dei prezzi (deflazione = contrario di inflazione). E quel che è peggio, è che in un clima di crisi di queste proporzioni la gente corre a risparmiare disperatamente per il timore del domani (mica scemi), ma questo sottrae denaro in circolo, cosa che non solo affama tutta l’economia, ma peggiora la deflazione stessa.

 

Vorrei che capiste che questo è uno dei mali economici peggiori e che c’è tutta la tecnocrazia europea che non sa più come fermarlo. Immaginatevi Renzi, il bulletto del PD.

 

CROLLO BANCHE.

Renzi, poi, fra otto mesi si ritroverà l’implosione del sistema creditizio europeo, quando i test dei regolamentatori dell’EBA inevitabilmente mostreranno che alcune delle maggiori banche sono irrecuperabili.

 

Da qui il terremoto delle piccole medio banche, fra cui quelle italiane sono quelle messe peggio d’Europa sia come buchi di bilancio che come capitale di copertura.

Prometeia stima che solo per i prestiti insolventi le banche italiane siano scoperte per 150 miliardi di euro.

 

E chi le salva? E con che soldi? No, Renzi, la sovranità monetaria non ce l’hai, non le puoi nazionalizzare. Che fai? Chiami Benigni?

 

SVENDITA PUBBLICA INUTILE.

Ma Renzi almeno ha la carta delle privatizzazioni… Vendi il vendibile, incassa l’incassabile.

 

Funziona? No.

 

Non ha funzionato in nessun Paese del mondo, meno che meno da noi quando proprio il centro sinistra si mise negli anni ’90 a svendere pezzi di beni di Stato a un ritmo talmente forsennato che fece il record europeo delle privatizzazioni nel 1999.

 

Sapete di quanto ridussero il debito di Stato italiano? Di un maestoso 8%...

 

E che allora i prezzi contrattati per i beni pubblici da alienare erano, circa, decenti. Oggi, con l’Italia sprofondata dall’Eurozona in una svalutazione della sua economia da piangere, Roma deve svendere a prezzi stracciati qualsiasi cosa offra, con margini che saranno patetici.

Renzi, farà la Thatcher dei poveri.

 

DISOCCUPAZIONE

E la disoccupazione? Sapete cosa costa all’Italia avere il 12% (fasullo, è molto di più) di disoccupati? Trecentosessanta miliardi all’anno perduti. E i giovani? Il 76% di loro è costretto alla flessibilità, con limiti invalicabili all’acquisto di una casa o al matrimonio.

 

L’Eurozona fu pensata ed edificata proprio per ridurre il sud Europa a un serbatoio di lavoratori pagati alla kosovara ma in strutture moderne.

Il futuro di questo ragazzi è ormai certo: stipendi dai 600 agli 800 euro per i più qualificati, al lavoro per investitori stranieri.

 

Questo non è più un Economicidio, è un olocausto economico e generazionale, che Renzi dovrà gestire sotto l’egida della Germania che già oggi sta affossando il resto d’Europa coi suoi diktat criminosi.

Tradotto in termini specifici: il potere Neomercantile della mega-industria tedesca, quello della Bundesbank, quello dei maggiori speculatori-rentiers del mondo, contro Renzino da Firenze.

 

Matteo tu fai fesso qualcun altro.

Perché è vero che ignori il 70% di tutto questo, ma sul restante 30% sei pienamente d’accordo, da bravo leader del partito di destra finanziaria peggiore d’Italia, il PD.

 

CONCLUSIONE.

Renzi non si rende conto di cosa lo aspetta, ma soprattutto del fatto che la catastrofe dell’economia italiana è un MACROPROBLEMA STRUTTURALE nell’Eurozona, e finché esisteranno i parametri economicidi dell’euro non esiste salvezza.

 

Il governo Renzi è morto prima di nascere.

Poi, sapete, uno si stufa di scrivere sempre le stesse cose.

 

Paolo Barnard

18.2.2014

 

http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=778

 

.



Commenta questo articolo



Seguo Tempestaperfettablog fin da febbraio 2012, ai suoi esordi.

In seguito ho voluto conoscere personalmente il blogger, Piero Valerio, una persona intelligente, capace e pacata nell'esposizione come nella vita.

Un uomo che stimo molto.

Per chi volesse capire o aumentare le conoscenze in macroeconomia, consiglio senz'altro di seguire il suo blog, magari partendo dai primi articoli per poter recepire informazioni che quasi nessuno espone in modo così esaustivo.

A volte, purtroppo la lunghezza degli articoli, può far desistere, ma vedrete che se avete un po' di perseveranza, ne vale veramente la pena.

Questo però, è un articolo corto...☺ ☺ ☺

http://tempesta-perfetta.blogspot.it/2013/07/laltra-faccia-della-moneta-lunico-modo.html#more

segnala commento inopportuno

Alcune informazioni su Paolo Barnard:

2 giorni fa ha scritto sul suo blog:

"Le donne sono al 99% esseri mediocri, solo capaci di creare miseria ai propri figli o al mondo. Purtroppo hanno quello che hanno fra le gambe. E ok. Ma non fosse per quello, e per la cultura di sinistra dei Pddini cerebromancanti, sapremmo come giustamente apostrofarle. Al 99%. Così come meritano gli uomini al 99%. Solo che…se si scrive che gli uomini sono al 99% dei porci disumani o troppo stupidi per esistere, nessuno dice nulla. Se lo dici delle donne… Uhhhhhhhhh!".

I suoi tweet sono di questo tipo: (vi riporto uno del 2 Marzo ma ce ne sono decine così)

"Va ammesso.Le donne sono tutte troie, inclusa mia madre, mia moglie e la mia fidanzata, e le altre 16 che mi scopo.Ordino la 7a Ceres. Notte"

E' stato cacciato dalla trasmissione "La gabbia" de la7. (era in evidente stato di alterazione mentale)

Le consiglio Sig.ra Salvador di tenere le distanze da un individuo del genere che definire squallido è un complimento. E' un personaggio che sicuramente va aiutato e curato, spero che le persone accanto a lui se ne accorgano e possano prendere provvedimenti.Dall'alcool se ne può uscire.

Per il resto le opinioni sopra scritte su renzi mi paiono un'accozzaglia di aria fritta.

Saluti

segnala commento inopportuno

Sig. Scorretto lei talvolta mi sorprende per la sua innocente ingenuità.

Come poteva pensare che la Sig.ra Complottista non elevasse a proprio faro intellettuale un riconosciuto gigante del pensiero come il Sig. Barnard? non ha pensato che i suoi (di lei) idoli in medicina sono Simoncini & Mondini (bicarbonato anti cancro), Tom Bosco (scie aviochimiche) , Chavez & Maduro (disastro Venezuela), Putin (invasione Crimea), Gheddafi & Assad (genocidio del loro stesso popolo), Marra & Scilipoti (politica italiana) eccetera?

Potrebbe mai la Sig.ra non essere attratta dai consimili tipi antropologici?

segnala commento inopportuno

Caro Pol,

innanzi tutto l'articolo che citi l'avevo letto in anteprima, ancora il 28 febbraio, non ho dovuto seguire la bagarre mediatica per saperlo.

Una volta a settimana, circa, entro nel sito di Barnard e mi leggo TUTTI gli articoli.
Non lo seguo su twitter poichè non ci sono.

Io dovrei essere la prima a detestare Barnard, per la brutta esperienza personale del 10 gennaio 2013.

Il giorno dopo essere stata da Santoro, egli scrisse un pezzo terribile su di me, inoltre in twitter si abbandonò a commenti osceni sulla mia persona da denuncia penale!

Infatti la mia famiglia e i miei amici, per diverse settimane hanno insistito perchè lo denunciassi.

Non posso nascondere che abbia sofferto molto per questo attacco, oltretutto immeritato, dopo di essermi spesa per la riuscita di un paio di eventi che gli avevano dato la possibilità di comunicare con le persone, in un periodo in cui questo gli era precluso (in un'occasione, a Campodarsego, insieme a Radiogamma 5, organizzai un convegno con più di settecento persone)

Non l'ho fatto, perchè Barnard è malato, molto.

Non potrebbe essere altrimenti, per la vita che ha scelto di vivere.

Non che questa sia una scusante, ma ho preferito lasciar perdere.

E' un personaggio inaffidabile e ingestibile, schizofrenia allo stato puro.

Ma c'è il rovescio della medaglia.

E' intelligente e soprattutto (seguo i suoi articoli dal 2008) le sue analisi macroeconomiche, non solo si sono rivelate profetiche, nella maggioranza dei casi, ma è stato uno dei primi giornalisti a dirci come stavano le cose in momenti non sospetti.

Mentre in TV e giornali, tutti blateravano di B, puttane, bungabunga e casta, lui, metteva in guardia sul trattato di Lisbona, Velsen, FC, MES ecc ecc...

Culturalmente, gli devo molto, per il resto, non gli devo nulla.

E ho imparato, dall'alto della mia età, a discernere nelle persone ciò che mi può essere utile per crescere, dalla spazzatura.

Ecco, da Barnard continuerò ad estrapolare le parti intelligenti, la spazzatura, la lascio a chi vuole gridare.

Io non butto il bambino con l'acqua sporca.

Ciao

segnala commento inopportuno

Non conoscevo questo Barnard e mi sono fatto una cultura di lui di circa un'ora. Non stento a credere cosa le abbia detto o scritto visto che da della ***** (ho censurato) a sua figlia, ammette candidamente di drogarsi e scrive veramente delle oscenità uniche.
Ho letto qualche suo articolo ma sinceramente si trovano pochissime cose con un senso e molte farneticazioni fatte da una mente disturbata.
C'è nè da rovistare nella spazzatura per trovarci qualcosa di buono!

segnala commento inopportuno

Ah si ricordo x caso ho guardato quella puntata.. (pessima trasmissione a mio dire)
E naturalmente ho biasimato la vaccata dell uscita dall euro..
Come frutto di disperazione.. spiegando alla moglie che sarebbe solo una brutta storia.. Barnard mamma mia.. preferisco nicolino tosoni come ideologo..:-) pure lui molto border Line..

segnala commento inopportuno

Caro Pol,

tu dici:

"Per il resto le opinioni sopra scritte su renzi mi paiono un'accozzaglia di aria fritta. "

purtroppo ti accorgerai a tue (e a quelle di tutti noi) spese, che non è così.


segnala commento inopportuno

Sig Scorretto domani è la Festa della Donna.
Le chiedo, così farò anch'io, di non infierire per almeno 36 ore sulla Sig.ra che ormai è come sparare sulla croce Rossa.

Un minimo di romanticismo, in questo così arido mondo!

segnala commento inopportuno

Sarà fatto.
Quindi auguro adesso alla Sig.ra Salvador i miei più sentiti auguri per la festa della donna.
Alla prossima

segnala commento inopportuno



Ehmmm, me ne ero dimenticata ( di domani intendo)

anche se non la festeggio ti ringrazio ugualmente: un augurio è sempre gradito.

Beh, per domani, avevo pronto un post sul "gender".. ma è meglio che lo rimandi, altrimenti... sai che casino, non avevo fatto caso alla coincidenza... giuro!! ☺ ☺ ☺

segnala commento inopportuno

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.939

Anno XXXVII n° 13 / 5 luglio 2018

MOLLO TUTTO E VADO A VIVERE NELLA FORESTA

Christian Corrocher ha lasciato Conegliano, sua città natale, per andare a vivere nella foresta Amazzonica. Per anni ha mangiato solo pesce e yucca ed è vissuto senza elettricità, né acqua corrente. Questa è la sua storia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×