12 novembre 2019

Vittorio Veneto

MERCATO DEL CONTADINO: «CHI FA IL FURBO, VA ESPULSO»

Coldiretti e Cia intensificano i controlli nelle aziende agricole

Claudia Borsoi | commenti |

Claudia Borsoi | commenti |

VITTORIO VENETO - Sono concordi le due associazioni di categoria, Coldiretti e CIA, alle quali aderiscono 14 dei 15 banchi presenti al Mercato del contadino del venerdì mattina, sulla posizione da tenere con chi non rispetta le regole.

«Chi ha fatto il furbo, va punito»: tuonano i rappresentanti delle due associazioni che in questi giorni, dopo i fatti registrati, hanno intensificato i controlli sulle aziende agricole che partecipano ai farmer market.

«Abbiamo dato avvio ieri (mercoledì ndr) a dei sopralluoghi nelle aziende tra Conegliano e Vittorio Veneto proprio alla luce del problema registrato» spiega il presidente provinciale di CIA, Confederazione Italiana Agricoltori, Denis Susanna.

Intensificati anche i controlli da parte di Coldiretti ogni venerdì mattina tra i banchi e nelle aziende associate: «Verifichiamo - spiega il presidente di zona, Gianni Dam - quanto un agricoltore semina di un certo prodotto, dove è stato raccolto e quanto ne rimane. Questo ci permette di capire quanto ne potrà essere venduto in una stagione».

«Non tutto il male viene per nuocere - osserva poi il numero uno della Coldiretti di Vittorio Veneto - quanto accaduto serve anche per far capire la serietà con cui lavoriamo. Le nostre aziende - chiude - sono tutte in regola e ci teniamo che il mercato prosegua con serietà».

«Ho proposto all'associazione commercianti di trovare delle sinergie tra i fruttivendoli, che vendono pure prodotti locali, e i nostri agricoltori - aggiunge Susanna di CIA - una cosa però è chiara: un agricoltore non dove fare il commerciante».

 

 



Claudia Borsoi

Leggi altre notizie di Vittorio Veneto
Leggi altre notizie di Vittorio Veneto

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×