23/10/2017sereno con veli

24/10/2017quasi sereno

25/10/2017sereno con veli

23 ottobre 2017

Sport

Messi: "Sarebbe stata una follia l'Argentina fuori dal Mondiale".

Altri Sport

Quito, 11 ott. (AdnKronos) - Lionel Messi ha festeggiato la tanto agognata qualificazione per la Coppa del Mondo 2018 dell'Argentina dopo aver battuto l'Ecuador 3-1 a Quito ed ha considerato che "sarebbe stata una follia" stare fuori. "Entriamo direttamente, quindi tutto è andato perfettamente. Non meritavamo di non essere al Mondiale per quello che abbiamo speso in queste qualificazioni. Questo gruppo meritava di esserci e questo è ciò che è successo", ha detto Messi, autore della "tripletta" che ha steso l'Ecuador e regalato il biglietto per Russia 2018.

"Adesso la paura è passata, eravamo asfissiati dal timore di rimanere fuori", ha ammesso il numero 10. "Siamo passati in svantaggio, ci siamo complicati le cose più di quanto fossero, non è facile venire a giocare qui. Mi sono passate un sacco di cose per la testa, perché l'inizio di gara con il gol subito è stato un duro colpo, ma abbiamo reagito molto bene. Fortunatamente tutto è andato per il meglio", ha aggiunto Messi in una improvvisata zona mista nello Stadio Olimpico di Atahualpa.

"Ora è tempo del sollievo. Oggi siamo tranquilli, abbiamo ottenuto l'obiettivo più importante", ha spiegato il capitano albiceleste che ha riconosciuto che l'Argentina si sarebbe dovuta "qualificare prima". "Meritavamo un po' di più, ci sono stati dei cambiamenti tecnici, è sempre difficile ripartire da zero e adattarsi ad una nuova idea, e tuttavia abbiamo tirato fuori tutto e ottenuto l'obiettivo". Ma Messi ha anche ammesso che "c'era la paura di restare fuori". "Sarebbe stato pazzesco per l'Argentina, per noi, per tutti", ha detto il giocatore del Barcellona.

La qualificazione ha sollevato il gruppo guidato da Jorge Sampaoli. "La squadra era stata messa in discussione per un po' di tempo nonostante avesse giocato tre finali, quella dell'ultimo Mondiale e due di Coppa America. Oggi è un giorno speciale per tutti coloro che fanno parte di questo gruppo da molto tempo", ha aggiunto la Pulce, capocannoniere sudamericano di qualificazione con 21 gol con Suarez. "Avremmo potuto vincere contro l'Uruguay e il Perù. La selezione crescerà, sarà diversa. È una liberazione e questo gruppo otterrà cose molto positive da tutto questo", ha concluso il capitano argentino.

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×