23/05/2018nuvoloso

24/05/2018possibile temporale

25/05/2018quasi sereno

23 maggio 2018

Sport

"Michael combatte", Jean Todt parla di Shumi.

Campioni

Altri Sport

(AdnKronos) - Sta "ancora combattendo". Sono le parole dell'ex direttore generale della Ferrari Jean Todt su Michael Schumacher.

Il sette volte campione di F1 non si è più ripreso dall'incidente sugli sci del dicembre 2013, dopo il quale ha trascorso diversi mesi in coma. La famiglia del 48enne si è sempre chiusa nel massimo riserbo e le notizie circolate sulle sue condizioni di salute sono sempre state poche e spesso non confermate.

Todt, ora presidente della World Automobile Federation (Fia), ha speso parole emozionanti su Schumi in occasione della Hall of Fame dedicata alla Formula 1, riferisce l''Express': "Michael ci manca. Lui è lì, sta ancora combattendo. La sua battaglia continua. Michael è una persona molto speciale, per il mondo dei motori. Lo è per me, è un amico".

Schumi, la figlia rompe il silenzio

Alla cerimonia erano presenti nove campioni del mondo che con le loro imprese hanno contribuito a scrivere la storia della Formula 1: Sir Jackie Stewart, Mario Andretti, Alain Prost, Nigel Mansell, Damon Hill, Jacques Villeneuve, Fernando Alonso, Sebastian Vettel e Nico Rosberg. In tutto sono 33 i piloti del 'Circus', dal primo campione Nino Farina all'ultimo Lewis Hamilton, che hanno avuto l'onore di entrare da subito nella Hall of fame. E tra loro non poteva mancare il sette volte campione del mondo, il più vincente di sempre nella storia della Formula 1.

Sabine Kehm, la sua storica manager, ha aggiunto: "Tutti sappiamo che Michael dovrebbe essere qui e sono certa che gli sarebbe piaciuto esserci, ne sarebbe molto onorato. Ciò che lo ha reso così speciale e vincente è stato l'amore e la passione per questo sport, come per tutti in questa sala".

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.936

Anno XXXVII n° 10 / 24 maggio 2018

VI RACCONTO UNA FAVOLA. LA MIA

La strada verso Iasi. Abbandonata alla nascita in Romania, Georgiana viene adottata a 7 anni da un imprenditore di Vittorio Veneto e dalla moglie. Poi il padre muore, e lei parte alla ricerca delle sue origini…

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×