19/09/2018quasi sereno

20/09/2018sereno

21/09/2018sereno

19 settembre 2018

Treviso

MICHELE E MARICA STANNO MEGLIO

Il ragazzo rimasto folgorato trasferito da Treviso a Montebelluna

| commenti |

| commenti |

TREVISO – Le condizioni di Michele Indiano sono in fase di miglioramento. A comprovarlo il fatto che il 23enne rimasto folgorato mercoledì a Casella d’Asolo sia stato trasferito dall’ospedale Ca’ Foncello di Treviso all’ospedale di Montebelluna.

Il ragazzo era stato colpito da una scarica elettrica da 20mila volt mentre stava rimuovendo con un collega un cartello pubblicitario: l’autogru che stavano utilizzando era entrata in contatto con i fili dell’alta tensione e i due erano rimasti appunto folgorati.

Michele aveva riportato conseguenze peggiori del collega di lavoro, un 45enne rimasto ustionato solo alle gambe. Dopo due giorni in condizioni gravissime, ora finalmente si iniziano a vedere dei segnali di miglioramento.

Allo stesso modo, in fase di miglioramento è anche Marica Bulian, la 18enne di Maserada rimasta coinvolta in un grave incidente nella serata di lunedì.

Lei continua a rimanere ricoverata in prognosi riservata al Ca’ Foncello, anche se è probabile che nelle prossime ore possa essere svegliata dal coma farmacologico.

 

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

immagine della news

26/09/2016

Attrezzo in cortocircuito: fulminato

Un uomo di Roncade è stato salvato per un soffio dal personale del 118 dopo essere rimasto folgorato durante alcuni lavori domestici

immagine della news

09/09/2011

MARICA, ORE DECISIVE

La 18enne è ancora in coma farmacologico ma le condizioni sono stabili da 48 ore

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.942

Anno XXXVII n° 16 / 13 settembre 2018

NATI E ABBANDONATI

Abbandonare gli animali, in Italia, è un reato. Eppure qualcuno ogni giorno lo fa. La storia di Mister Frog e di chi si prende cura di lui e altri mille cani e gatti rimasti senza famiglia

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×