16 dicembre 2019

Nord-Est

Minacce ai vertici Eni: arresti e perquisizioni

Lettere incendiarie e minatorie ai vertici aziendali della PetrovenSpa e dell'Eni

commenti |

commenti |

Minacce ai vertici Eni: arresti e perquisizioni

VENEZIA - La Digos della Questura di Venezia, con il coordinamento della Dcpp/Ucigos, sta eseguendo dalle prime ore di oggi 10 ordinanze di custodia cautelare e 20 decreti di perquisizione domiciliare in diverse città del Veneto, a carico di un gruppo di italiani che oltre ad aver minacciato i vertici dell'Eni aveva organizzato e perfezionato un meccanismo sistematico di asportazione di migliaia di tonnellate di prodotto petrolifero da un deposito costiero dello stesso gruppo.

 

L'indagine è nata dall'invio, nel 2011, di lettere incendiarie e minatorie ai vertici aziendali della PetrovenSpa e dell'Eni. L'organizzazione si sarebbe inoltre resa responsabile di un brutale pestaggio e una rapina ai danni di un autotrasportatore sospettato di essersi confidato con l'azienda e agli inquirenti.

 

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×