21/07/2017quasi sereno

22/07/2017quasi sereno

23/07/2017sereno con veli

21 luglio 2017

Oderzo Motta

Il "Mondo Tondo" di Paolo Rago

Il cantautore opitergino all'esordio con il suo disco. E già pensa al prossimo lavoro discografico

commenti |

Paolo Rago

ODERZO - Il primo maggio è uscito su tutti i principali negozi online di musica e streaming (Itnues e Spotify in primis) Mondo Tondo, il primo disco di Paolo Rago (nella foto), cantautore opitergino da anni sulla scena musicale della Marca.

Insieme all’associazione onlus TRQL, Paolo organizza diverse iniziative musicali a sfondo benefico; il 17 giugno ad esempio al parco delle piscine di Oderzo è in programma il terzo Trql Sound Check, per la realizzazione di un Parco Inclusivo. Appassionato di musica italiana, ha realizzato il disco a Frisanco, allo studio MushRoom con diversi amici musicisti come Sergio Bonitti, Simone Cimitan, Gianluca Rosso, Remo Soligon, Diego Feltrin, Andrea De Pellegrin e Roberto De Tuoni.

«Si tratta di un disco introspettivo – spiega – con pezzi scritti in diversi periodi della mia vita e pertanto molto eterogeneo. Un lavoro che ho realizzato all’inizio quasi per gioco e che ha coinvolto diversi amici. Poi, man mano che il lavoro in studio proseguiva, le canzoni sono decollate, prendendo una forma a volte diversa e inattesa, grazie agli arrangiamenti di Bonitti e Cimitan.

Siamo riusciti a fermare le emozioni del momento». Il cd contiene nove pezzi che raccontano storie di vita vissuta in prima persona, ma anche riflessioni personali.

Disco introspettivo con pezzi scritti in diversi periodi della mia vita e pertanto molto eterogeneo

Il genere è quello del cantautorato italiano, con venature funky, a tratti “progressive” ma sempre in una struttura in cui i testi rimangono in primo piano. I punti di riferimento come Niccolò Fabi, Eugenio Finardi, Stadio e Ligabue, sono ben presenti in tutta dell’opera.

E la voglia di scrivere non finisce, visto che proprio in questi mesi è in fase di realizzazione la sua seconda fatica discografica dal titolo “L’Alternativa”. «Siamo in fase di missaggio e siamo molto curiosi del risultato. Vedremo a breve».

Info qui

 

Commenta questo articolo


Loading...
vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.917

Anno XXXVI n° 13 / Giovedì 6 luglio 2017

LICENZIATO!

La spy-story (con drammatico finale) di Augustin Breda. Ex operaio Electrolux

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×