17/08/2018sereno

18/08/2018quasi sereno

19/08/2018quasi sereno

17 agosto 2018

Montebelluna

Montebelluna, aumentano misure di sicurezza per il Carnevale

Incontro per definire la gestione dei festeggiamenti del prossimo 4 febbraio

commenti |

Carnevale

MONTEBELLUNA - Si è tenuto ieri nell'ufficio del sindaco un incontro tra il sindaco, Marzio Favero, l'assessore alla cultura, Debora Varaschin, le parti tecniche, la Polizia locale, la Protezione civile e la Pro loco, in ordine alla gestione della sicurezza in occasione dei festeggiamenti per il prossimo Carnevale che si terranno a Montebelluna il prossimo 4 febbraio.

I nuovi indirizzi ministeriali sulla sicurezza infatti, impongono, come è noto, misure di sicurezza aggiuntive sia antipanico, sia di protezione rispetto ad eventuali interferenze esterne.

 

Il tema è stato affrontato nei dettagli e si conferma l'itinerario dello scorso anno che prevede la partenza dal Duomo di Montebelluna, il percorso lungo il Corso Mazzini ovest, la risalita lungo via Garibaldi fino a piazza Tommaseo, la discesa nella nuova piazza, quindi il transito do fronte alla Loggia dei Grani, l'innesto in piazza Petrarca, la prosecuzione in piazza Manzoni con giro attorno a piazza Negrelli. Il Parco Negrelli e la piazza D'Annunzio serviranno come spazi di evacuazione.

 

La Pro loco si è impegnata a produrre il piano sulla sicurezza mentre il sindaco in qualità di presidente della Commissione comunale di vigilanza sul pubblico spettacolo provvederà a convocare un incontro della stessa per esaminare i diversi dettagli con le componenti tecniche esterne. Saranno prese misure di safety e di security in modo da consentire ad una manifestazione che richiama oltre 10mila persone ogni anno di svolgersi in condizioni di sicurezza.

 

Leggi altre notizie di Montebelluna

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Montebelluna

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.940

Anno XXXVII n° 14 / 26 luglio 2018

DAI "LAGER" LIBICI A VITTORIO VENETO

Se questo è un uomo. Imprigionati, torturati, uccisi o venduti come schiavi. Le testimonianze dei sopravvissuti ai campi di concentramento in Libia arrivati a Vittorio Veneto

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×