26/05/2019variabile

27/05/2019pioggia

28/05/2019pioggia e temporali

26 maggio 2019

Benessere

Morbillo: in Madagascar 115 mila casi e 1.200 morti.

AdnKronos | commenti |

Roma, 17 apr. (AdnKronos Salute) - Un'epidemia di morbillo ha ucciso oltre 1.200 persone in Madagascar. Il Paese sta affrontando il più grande focolaio di questa malattia infettiva della sua storia, con il numero di casi registrati in crescita a oltre 115.000 da ottobre 2018, secondo le stime dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms).

A differenza delle epidemie che si stanno verificando in altre parti del mondo, Stati Uniti in primis dove sta emergendo un preoccupante scetticismo nei confronti delle vaccinazioni - ricorda il 'Telegraph on line' - l'epidemia del Madagascar deriva in parte dalla mancanza di risorse e "continua purtroppo ad espandersi", sebbene a un ritmo più lento di un mese fa, ha affermato Dossou Vincent Sodjinou, epidemiologo dell'Oms in Madagascar.

Solo il 58% delle persone sull'isola principale del Madagascar è vaccinato contro il morbillo, e questo è chiaramente un fattore importante nella diffusione della malattia, che ha ucciso soprattutto bambini sotto i 15 anni dall'inizio di settembre. Ma molti genitori sono spesso inconsapevoli del fatto che i vaccini nel Paese sono gratuiti. Sono pochi i casi di resistenza per motivi di religione. Il ministero della Salute del Madagascar ha inviato farmaci gratuiti destinati a trattare i sintomi della malattia nelle regioni più colpite dall'epidemia. Alla fine del mese scorso l'Oms ha inoltre avviato una terza campagna di vaccinazione di massa con l'obiettivo generale di raggiungere 7,2 milioni di bambini dai 6 mesi ai 9 anni.

 



AdnKronos

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×