24/10/2017sereno

25/10/2017velature sparse

26/10/2017sereno con veli

24 ottobre 2017

Cronaca

Multe, ecco cosa rischi se presti l'auto

commenti |

Spesso, quando si ha a che fare con le multe stradali, si sente anche parlare di responsabile in solido, generalmente il proprietario dell'auto. La legge individua infatti, oltre al trasgressore alla guida dell’auto (che ha quindi materialmente violato il codice della strada), un altro soggetto tenuto a pagare la contravvenzione insieme al primo.

Il responsabile in solido, ricorda laleggepertutti.it, è appunto la persona a cui le autorità possono chiedere il pagamento integrale della multa, in alternativa al trasgressore e a prescindere da qualsiasi ordine di preventiva escussione. In buona sostanza, l’amministrazione non ha l’obbligo di agire prima nei confronti di uno dei due e poi verso l’altro, ma può: notificare la multa sia al trasgressore che, contemporaneamente, al responsabile in solido; in caso di mancato pagamento da parte di uno dei due, può agire con un pignoramento o un fermo auto tanto nei confronti del trasgressore quanto del responsabile in solido. Lo può peraltro fare sia contemporaneamente che prima nei confronti dell’uno e poi, in caso di esito negativo, dell’altro. Non ha l’obbligo di agire prima verso un soggetto in particolare.

Di norma, il responsabile in solido di una multa è il proprietario dell’auto quando questo è un soggetto diverso dal conducente-trasgressore.

Si pensi al caso del padre che presta l’auto al figlio: se quest’ultimo compie un eccesso di velocità rilevato con autovelox, la multa arriva prima al genitore, in quanto risulta titolare del mezzo dai pubblici registri; la polizia gli intima di indicare il nome dell’effettivo conducente entro 60 giorni e, alla sua dichiarazione, scatta la responsabilità anche del figlio per il pagamento della multa. I punti dalla patente, però, vengono tolti solo all’effettivo conducente.

Al posto del proprietario dell’auto, il responsabile in solido di una multa può essere: l’usufruttuario dell’auto; l’acquirente con patto di riservato dominio (in buona sostanza colui che paga a rate); chi ha l’auto in leasing (la legge parla di 'utilizzatore a titolo di locazione finanziaria').
Nel caso in cui la violazione del codice della strada viene commessa da un minorenne, la responsabilità è sempre e solo dei genitori, i quali hanno l’obbligo di sorveglianza sul figlio. Sono quindi il padre e la madre a dover pagare la multa per conto del figlio, a meno che non dimostrino di 'non aver potuto impedire il fatto', ossia che l’auto sia stata messa in circolazione contro la loro volontà, una prova difficilissima da dare (il fatto di aver preso le chiavi di nascosto non è sufficiente se non accompagnata dalla dimostrazione che tali chiavi erano state riposte in un luogo nascosto e sicuro). Gli eredi non sono mai responsabili delle multe stradali del parente defunto. Difatti le obbligazioni nascenti da violazione del codice della strada non si trasmettono per successione. Gli eredi possono chiedere lo sgravio delle sanzioni all’ente emittente anche se è stata loro notificata già la cartella esattoriale.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

immagine della news

08/06/2017

Mogliano, dalle multe in arrivo due milioni

Il dato, relativo al 2016, è stato reso noto dal consigliere di opposizione Giovanni Azzolini: «L'Amministrazione ha raddoppiato il valore dell'anno precedente»

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.922

Anno XXXVI n° 18 / 19 ottobre 2017

CAPORETTO

Caporetto: la disfatta che viene dal passato. Immagini di guerra. Di attacchi (subdoli) e di resa. Caporetto è il simbolo della disfatta per antonomasia. E un secolo non basta per dimenticare

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×