21/04/2019velature sparse

22/04/2019parz nuvoloso

23/04/2019pioggia moderata

21 aprile 2019

Nord-Est

Muore nel marzo 2012 ma il corpo è ancora in obitorio

commenti |

PADOVA - Giace da 18 mesi nel frigorifero dell'obitorio dell'ospedale di Padova il corpo di un'anziana dopo la cui morte era stata disposta un'autopsia eseguita solo la scorsa settimana. Solo di recente la Procura della Repubblica, dopo aver respinto una vecchia richiesta di archiviazione dell'indagine voluta dai figli di Luigina Cocco deceduta a 91 anni il 4 marzo 2012, aveva conferito l'incarico per l'esame autoptico.

 

Sul registro degli indagati sarebbero così ora finiti, con l'accusa di omicidio colposo, sei medici tutelati da consulenti di fiducia che hanno assistito all'esame irripetibile. Come indicano i quotidiani locali ai magistrati i congiunti della donna chiedono di accertare le responsabilità dei professionisti che avevano avuto in cura la signora. Ora tuttavia i parenti della defunta dovranno ancora attendere circa due mesi per il nulla osta per la sepoltura in attesa di tutti i riscontri medico legali.

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×