24/09/2017temporale e schiarite

25/09/2017quasi sereno

26/09/2017quasi sereno

24 settembre 2017

Montebelluna

Murales colorati sulle pareti della Pediatria

Realizzati dagli studenti del Liceo Artistico di Treviso  

commenti |

MONTEBELLUNA - Murales colorati sulle pareti della Pediatria del San Valentino di Montebelluna. E’ quanto hanno realizzato gli studenti della 4° B del Liceo Artistico di Treviso nell’ambito di un progetto di alternanza scuola-lavoro.

Si tratta di vere ed estese opere d’arte, destinate ad umanizzare gli ambienti ospedalieri con immagini di luoghi ed animali esotici o particolari, in grado di far viaggiare la fantasia dei pazienti più piccoli.

 

I lavori, prodotti dai ragazzi in diversi punti del reparto e del day hospital dell’ospedale montebellunese, sono stati inaugurati oggi alla presenza del Coordinatore sanitario Maurizio Sforzi, del Direttore medico Danilo Toffolon, del primario Paolo Mesirca, del preside del Liceo Artistico Felice Costanzo, delle insegnanti Federica Pellizzari ed Emanuela Bardin e dei giovani autori.

 

I murales, realizzati in 44 ore di lavoro, rappresentano, in uno stile dal sapore cartoon, differenti angoli del mondo con numerosi animali. Le scene sono state concepite appositamente per trasmettere un effetto rassicurante, che porti la mente del piccolo paziente lontano dalla costrizione ospedaliera, favorendo la sua fantasia e la sua immaginazione creativa.

“Siamo molto grati a questi ragazzi – sottolinea il Coordinatore sanitario Maurizio Sforzi – per l’impegno profuso che ha arricchito la nostra Pediatria. Il lavoro che si presenta è di alto contenuto artistico ed è bello che venga da un’esperienza lavorativa in ambito scolastico. E’ un ottimo sostegno al nostro sforzo nel garantire ambienti ospedalieri sempre più contrassegnati dall’umanizzazione”.

Il ringraziamento è stato ricambiato dal preside Costanzo: “Per gli studenti troppo spesso l’alternanza scuola lavoro significa fare fotocopie in un ufficio. Questi ragazzi, invece, hanno potuto cimentarsi nel lavoro per cui studiano, concependolo, organizzandolo e realizzandolo con tutti criteri professionali. Speriamo sia un’esperienza che si possa ripetere”.

 

 

Commenta questo articolo


Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×