17 settembre 2019

Treviso

La musica riempie piazze e apre palazzi: in città arriva il Treviso Suona Jazz

Per la quarta edizione del festival non solo musica ma anche cinema e il fumetto

Isabella Loschi | commenti |

TREVISO - Piazze e palazzi storici di Treviso diventano il palcoscenico per 100 artisti che da sabato 26 maggio a domenica 3 giugno avvolgeranno la città con le frizzanti note del Jazz.

Dopo il crescente successo delle prime tre edizioni il “Treviso Suona Jazz” è pronto a sbarcare in città con un fitto programma di spettacoli all’aperto e al chiuso, lungo un percorso che abbina musica di qualità a luoghi di interesse storico ed artistico, per creare un rapporto esclusivo tra arte, musica e architettura.

Ci saranno le Big Band dei Conservatori Steffani e Venezze, gli artisti Italiani premiati Top Jazz, due workshop, un film, una mostra di tavole a fumetti, e una serie di appuntamenti nei locali della città e sul Montello, con musicisti del territorio, dedicati a chi volesse coniugare la buona musica e la buona cucina.

Novità di quest’anno del festival, ideato e curato dall’Associazione Urbano Contemporaneo, con direzione artistica di Nicola Bortolanza, le collaborazioni con il Treviso Comic Book Festival, per una mostra a fumetti di Paolo Parisi nell’insolita cornice della Sala delle Armi di Porta Santi Quaranta, il 26 maggio; e con Soleluna Festival per la proiezione di un film il 31 maggio a Cà dei Ricchi, di Monica Affatato su Enrico Rava, in un viaggio che attraversa il mondo del jazz. Per la prima volta aprirà le porte al Jazz anche la chiesa di San Gaetano, venerdì 1 giugno, per il concerto “Bagatelle” di Bebo Ferra e Paolino Dalla Porta, due big del panorama internazionale.


“E’ importante puntare sulla qualità e creare sinergie - spiega il direttore artistico Nicola Bortolanza -  Treviso Suona Jazz ha dimostrato di essere un progetto in forte crescita ed in grado di dialogare con le realtà del territorio. Anche questa edizione sarà caratterizzata dall’importante collaborazione con i Conservatori di Musica Steffani di Castelfranco e Venezze di Rovigo, e con l’associazione Manzato oltre alle novità, quali la proiezione di un film su Enrico Rava e la mostra a fumetti di Paolo Parisi".

Non mancherà l’aspetto didattico legato ai workshop a Palazzo Da Borso. Full immersion per classe di chitarra con Bebo Ferra, e musica d’insieme diretta dal contrabbassista Paolino dalla Porta. Tra gli artisti in cartellone il concerto di mercoledì 30 maggio a Palazzo Giacomelli, con il saxofonista Francesco Bearzatti e il chitarrista Federico Casagrande. Un duo impeccabile che presenterà, in esclusiva per il pubblico trevigiano, il nuovo cd in uscita per Cam Jazz.

Nel corso del week end del 2 e 3 giugno la musica attraverserà il centro da pomeriggio a sera. Tra le tante iniziative imperdibili i concerti gratuiti con tre Big Band dei Conservatori Steffani e Venezze alla Loggia dei Cavalieri (Auditorium Stefanini in caso di maltempo), alle quali si aggiungeranno ospiti il trombettista Fulvio Sigurtà, il saxofonista Michele Polga, la cantante Francesca Bertazzo. “I nostri docenti del dipartimento Jazz che si è strutturato nell'ultimo decennio e sta richiamando allievi da tutto il Veneto, hanno aderito con entusiamo anche quest’anno alla collaborazione con il festival- sottoliena Stefano Canazza, direttore del Conservatorio di Castelfranco - “Porteremo la nostra Big Band ma anche gli alunni delle classi inferiori e gli studenti del liceo Giorgione”.


L'organ trio di Michele Polga con Matteo Alfonso e Enzo Carpentieri chiuderà la kermesse 2018 domenica 3 giugno al Dump in Galleria Bailo.

Tutte le info e il programma completo sul sito www.trevisosuonajazz.it.

 



foto dell'autore

Isabella Loschi

Leggi altre notizie di Treviso

Commenta questo articolo


Leggi altre notizie di Treviso

Dello stesso argomento

vedi tutti i blog

Grazie per averci inviato la tua notizia

×