21/11/2017foschia

22/11/2017quasi sereno

23/11/2017variabile

21 novembre 2017

Politica

Musumeci: "Sarò presidente di tutti"

commenti |

Risultato quasi delineato per le elezioni regionali in Sicilia. Il candidato del centrodestra Nello Musumeci è in vantaggio su Giancarlo Cancelleri del M5S. I DATI DEGLI SCRUTINI - Quando mancano meno di 1.000 sezioni da scrutinare (siamo a 4.401 su 5.300) Musumeci è al 39,7% contro il 34,8% di Cancelleri. Il rettore Fabrizio Micari, candidato del centrosinistra, si ferma al 18,5%. A seguire il candidato della Sinistra Claudio Fava con il 6,1% e Roberto La Rosa (Siciliani Liberi) allo 0,7%. Non è previsto ballottaggio. Lo spoglio delle schede elettorali è iniziato alle 8.

MUSUMECI - "Mi scuso del ritardo, ma sono particolarmente prudente e volevo certezza di un risultato consolidato. Sono felice di avere ricevuto il consenso per un ruolo di così grande responsabilità. Voglio essere e sarò il presidente di tutti i siciliani, di chi mi ha votato e di chi, legittimamente, ha votato altri candidati o non ha partecipato al voto" ha detto in conferenza stampa a Catania il neo presidente della Regione.

LA DEDICA - "Voglio dedicare questa vittoria ai miei tre figli (uno è scomparso negli anni scorsi, ndr) e a tutti i figli dei siciliani. Hanno diritto a un futuro migliore" ha aggiunto Musumeci. "E' stata una campagna elettorale avvelenata da cadute di stile, ma è acqua passata. Avverto il peso di una grande responsabilità e sono certo che incontrerò problemi per la situazione drammatica della mia terra, la stagione più difficile dei 70 anni dell'autonomia".

ULTIMO IMPEGNO - "Crediamo davvero nell'unità d'Italia, ma si realizza se il Sud smette di arrancare e cresce con le stesse opportunità delle regioni del Nord. L'Italia unita è una garanzia e noi la vogliamo assicurare e tutelare" ha detto il neo presidente, che ha anche spiegato che sarà il suo "ultimo impegno politico".

M5S - Intanto Beppe Grillo e Davide Casaleggio sorridono guardando all'exploit del M5S alle regionali e al buon risultato ottenuto da Cancelleri. "Possiamo dire che c'è stata tanta soddisfazione per il risultato", riferiscono all'AdnKronos fonti della comunicazione 5 Stelle. Il Movimento si è attestato come prima forza politica ottenendo più del 26% dei consensi. Al secondo posto, distante dieci lunghezze, Forza Italia sopra il 16%.

URNE PRESIDIATE - Dopo la chiusura delle urne, alle 22 di domenica, i seggi elettorali sono stati guardati a vista per tutta la notte: polizia, carabinieri e finanzieri hanno controllato le urne contenenti le schede degli oltre due milioni su 4,5 milioni di siciliani andati al voto.

AFFLUENZA - L'affluenza si è attestata al 46,76% (2.179.474 elettori su 4.661.111), in leggero calo rispetto a cinque anni fa, quando fu del 47,41. A Messina la partecipazione più alta con il 51,69% poi Catania con il 51,58, Siracusa 47,55, Ragusa 47,48, Palermo 46,4, Agrigento 39,6 e Caltanissetta 39,83%. In coda Enna con il 37,68% (dati Istituto Piepoli-Noto per la Rai).

 

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

Lo Ius soli, che facilita la cittadinanza per gli stranieri che nascono in Italia, sta per essere votato. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.925

Anno XXXVI n° 20 / 16 novembre 2017

VIGNETI E FITOFARMACI

“I pesticidi ci stanno uccidendo”. A Cappella Maggiore, due morti e sei malati di tumore in una strada: tra i vigneti e i campi, la malattia dilaga. E i cittadini denunciano

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×