22/09/2017quasi sereno

23/09/2017parz nuvoloso

24/09/2017rovesci e schiarite

22 settembre 2017

Sport

Nadal contro indipendenza Catalogna: "Più forti uniti che divisi".

Spagna

Altri Sport

Madrid, 12 set. - (AdnKronos) - Rafael Nadal scende in campo contro l'indipendenza della Catalogna. Lo spagnolo, numero uno del tennis mondiale e vincitore dell'Us Open, prende una posizione chiara sulla spinosa questione che divide la Spagna in vista del referendum di autodeterminazione in programma il prossimo primo ottobre. "Dovremmo essere tutti preoccupati e chi non lo è non ha in mente la Spagna come tale. Mi sento molto vicino ai catalani ma anche molto spagnolo. Non concepisco una Spagna senza Catalogna", ha detto il maiorchino in un'intervista al quotidiano El Mundo.

Secondo Nadal "bisogna fare uno sforzo per arrivare a un'intesa perché siamo più forti uniti che divisi: la Spagna è migliore con la Catalogna così come la Catalogna è migliore con la Spagna".

In merito al referendum, dichiarato "illegale" dal premier spagnolo Mariano Rajoy e stoppato dalla Consulta che ne ha sospeso il decreto di convocazione, Nadal non ha dubbi. "Penso che non dovrebbe farsi perché, dal mio punto di vista, chiunque deve rispettare la legge. Non posso passare un semaforo col rosso perché non mi sembra giusto quel semaforo. E chi pretende questo in Catalogna dovrebbe capirlo. Detto questo - ha concluso - rispetto profondamente il sentimento di ognuno e spero che si arrivi a una soluzione, che possiamo capirci e vivere per molti anni come un Paese, che è quello che siamo".

 

Commenta questo articolo


Le società Sportive

vedi tutti i blog

I sondaggi - Vota

L'Italia vuole dare il visto umanitario ai profughi per potersi muovere in Europa. Sei d'accordo?
Partecipa al Sondaggio

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.920

Anno XXXVI n° 16 / 14 settembre 2017

NO. AL CANSIGLIO PRIVATO

Ecologisti in sciopero della fame contro le delibere regionali. La vendita dell’ex hotel San Marco, a loro giudizio, potrebbe de-statalizzare l’altopiano e la foresta. Un pericolo, per il territorio. E per la gente

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×