22/06/2018temporale e schiarite

23/06/2018quasi sereno

24/06/2018nuvoloso

22 giugno 2018

Castelfranco

Natale dei popoli, in cento al pranzo con gli immigrati

È stato organizzato per domenica 7 gennaio a Fonte Alto

commenti |

Migranti

FONTE - Cento persone parteciperanno domenica 7 gennaio al pranzo "Natale dei popoli" nella sede del Centro di Formazione professionale Opera Monte Grappa di Fonte Alto. Lo sta organizzando la Caritas del Vicariato di Asolo insieme allo stesso Cfp e al consorzio "Restituire" di Treviso in collaborazione con le cooperative "Orchidea" di Montebelluna e "Pastelli" di Camposampiero (Padova).

Ci saranno una quarantina di immigrati, operatori e volontari della cooperativa e della Caritas, alcuni sacerdoti tra cui anche il vicario generale della diocesi di Treviso mons. Adriano Cevolotto.    

 

"Come ci insegna papa Francesco vogliamo compiere un gesto concreto di vicinanza, di solidarietà e di accoglienza - sottolinea il presidente del Cfp don Paolo Magoga -. La presenza di una corposa comunità di immigrati, accolti recentemente in una struttura del nostro territorio, non può non coinvolgere le nostre comunità e la nostra scuola che in esso è ben radicata. Per questo abbiamo preso a cuore questo progetto come una sorta di continuità con il lavoro di accoglienza, scolarizzazione e introduzione al mondo del lavoro di ragazzi immigrati che realizziamo ogni giorno con la nostra scuola".    

 

Nel Vicariato di Asolo sono presenti 21 parrocchie, unite in quattro collaborazioni pastorali, per circa 40 mila abitanti, sei gruppi Caritas, alcuni anche con esperienza di accoglienza di ragazzi immigrati. E' presente anche un Centro di ascolto della Caritas che segue diverse situazioni di disagio e povertà e interviene con aiuti concreti sostenendo e assistendo famiglie di immigrati e non solo. Dopo questa iniziativa il Cfp di Fonte, insieme agli altri organizzatori del pranzo, ha in programma di organizzare un corso di italiano per una decina di donne immigrate.

 

"Sarà una sorta di 'dono di Natale' - conclude don Magoga - per chi ha bisogno di integrarsi e sperare in futuro migliore".

 

Leggi altre notizie di Castelfranco

Commenta questo articolo


vedi tutti i blog

In Edicola

copertina del giornale in edicola

Il Quindicinale n.938

Anno XXXVII n° 12 / 21 giugno 2018

SULLA MIA PELLE

Il tatuaggio: una moda vecchia 5300 anni

archivio numeri

Grazie per averci inviato la tua notizia

×